Suor Cristina, da The Voice of Italy al musical Sister Act: ‘Credo che Papa Francesco mi appoggerebbe’

Dopo aver vinto la seconda edizione di The Voice of Italy e fatto molto parlare di sé, Suor Cristina torna nuovamente al centro dell’attenzione. La religiosa che aveva dichiarato di volersi dedicare alla preghiera senza rinunciare alla musica, la vedremo presto su un nuovo palcoscenico, a Roma, in occasione della versione italiana del musical Sister Act, diretto da Saverio Marconi ed in scena presso il Teatro Brancaccio. Ecco di seguito quali sono state le dichiarazioni di Suor Cristina all’Ansa e le informazioni sullo spettacolo.

Insieme a Suor Cristina, che indosserà i panni (neppure tanto diversi) di Suor Maria Roberta, nel cast del musical Sister Act ci saranno anche Belia Martin (Deloris, la protagonista interpretata da Whoopi Goldberg), Pino Strabioli (Monsignor O’Hara) e Francesca Taverni (Madre Superiora). Sul suo personaggio, Suor Cristina ha dichiarato all’Ansa: “La novizia è una ragazzina, ancora non ha ricevuto la chiamata e si trova a scegliere tra il mondo esterno e il convento. Si farà tante domande, ma poi deciderà di donarsi completamente al Signore. In fondo è stato così anche per me quando ho fatto la mia scelta”.

Ma che fine fanno i soldi che riceve come compenso per la sua attività artistica? In merito Suor Cristina replica: “Io ho fatto voto di povertà. Gli introiti vanno tutti alla congregazione per finanziare i progetti di solidarietà che abbiamo in Brasile, lì ci sono dei bambini che vorrebbero creare una banda musicale e noi stiamo cercando di aiutarli a realizzare quel sogno”.

Quando era sul palco di The Voice, Suor Cristina sosteneva di essere su quel palco per diffondere il messaggio di Gesù. La risposta in merito alle rinnovate critiche di chi non comprende pienamente il suo legame con il mondo dello spettacolo, in netto contrasto con il suo ruolo di religiosa non cambia neppure in occasione del musical Sister Act: “C’è sempre qualcuno che non è d’accordo, ma non esiste luogo in cui non possa arrivare il messaggio di Gesù. Credo che Papa Francesco mi appoggerebbe perché la Chiesa deve accorciare le distanze con la gente. Che Dio benedica questo musical”.

Condividi post:
Loading...
Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.
Articolo creato 7656

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto