Quarto Grado, anticipazioni 26 settembre: Yara Gambirasio, Roberta Ragusa, Elena Ceste, Guerrina Piscaglia

Torna nella prima serata di oggi, venerdì 26 settembre 2014, a partire dalle ore 21:10 circa, l’appuntamento all’insegna della trasmissione di approfondimento giornalistico di Rete 4, Quarto Grado, condotto in diretta dalla coppia formata da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero. Quali saranno gli argomenti della nuova puntata di oggi? Si parlerà del delitto di Garlasco ma anche di Yara Gambirasio, Roberta Ragusa, Guerrina Piscaglia ed Elena Ceste: ecco tutte le anticipazioni.

La nuova puntata di Quarto Grado si apre accendendo nuovamente i riflettori sul delitto di Garlasco, alla luce dei primi esiti della perizia sulla camminata dell’imputato Alberto Stasi per il delitto della giovane Chiara Poggi uccisa nella sua villetta a Garlasco. Risulta quasi impossibile che Alberto Stasi non abbia calpestato il sangue di Chiara.

I due padroni di casa, inoltre, torneranno anche su altri casi di cronaca con gli ultimi aggiornamenti: si parlerà di Yara Gambirasio, all’indomani del deposito del ricorso dei legali di Massimo Bossetti al Tribunale della Libertà di Brescia, ma anche della conclusione dell’indagine sull’omicidio di Roberta Ragusa. Si darà spazio poi alla scomparsa di Guerrina Piscaglia, di cui si sono perse le tracce dallo scorso 1° maggio e di Elena Ceste. La donna potrebbe essere davvero a Tenerife? Anche l’Interpol verifica la nuova pista.

Condividi post:
Loading...
Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.
Articolo creato 7548

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto