Zecchino d’Oro 2019, Rita Longordo: testo “Acca”

04/12/2019 di Emanuela Longo

Allo Zecchino d’Oro 2019, condotto da Antonella Clerici dal 4 al 7 dicembre, conosceremo anche una piccola interprete, Rita Longordo. Il brano portato nell’ambito della kermesse canora dedicata ai piccoli cantanti si chiama “Acca”. Arriverà nella finale condotta anche da Carlo Conti in prima serata? Prima di scoprire il testo della canzone ed i suoi autori, conosciamo meglio la bimba che la canterà allo Zecchino d’Oro 2019.

Rita Longordo allo Zecchino d’Oro 2019: “Acca” – TESTO e VIDEO

Rita Longordo, Lo Zecchino d'Oro 2019

Rita arriva da Sanremo, ha 8 anni ed è una bimba molto tranquilla. Ama esibirsi sul palcoscenico e questa sarà per lei l’occasione per poterlo dimostrare. E’ molto precisa ma anche estremamente testarda. Da due anni studia canto.

Come molte bimbe anche lei ama le principesse Disney ed è una fan sfegatata di Laura Pausini e Nek. Le piacciono il salame e le patatine.

Il testo di “Acca” è scritto da F. Careddu – I. Menna – A. Visintainer. Ecco a seguire il testo della canzone che porterà alla 62esima edizione della kermesse musicale dedicata ai più piccoli.

Acca – TESTO

Yo yo yeeeeee yo yo ye ye
C’è chi dice che non servo perché un suono non ce l’ho,
Chi mi crede senza senso, quasi inutile, però! Yo
Io non penso, io non prendo alla lettera gli insulti,
So che valgo, so che gli ultimi sono primi per virtù! Yo!
Uno schiocco delle dita sarà “sciocco” senza me
E le “mosche” voleranno “mosce mosce” intorno a te!
Se io manco, puoi star certo che la festa finirà,
Più nessuno riderà!
Sono l’acca –a
Tra le lettere, Sono quella meno scritta!
Su due lunghe gambe, io me ne sto Letteralmente zitta,
Ma, se in mezzo a tutte le altre, mi ci metto, guarda un po’,
So parlare, son speciale, Necessaria altro che no!
Ah-ah-ah-ah-acca, acca! Yo yo ah-ah-ah-ah-acca!
Se sto sola, resto muta e non mi si sente più,
Ma se sto con le mie amiche, puoi sentirmi pure tu! Yo
Se la gente, qualche volta, si dimentica di me,
C’è uno sbaglio, c’è un imbroglio, questo è un guaio e sai perché?
Se di “pesche” ti vien voglia, solo “pesce” troverai
E se vuoi mangiare i manghi, cosa mangi non lo sai
Se io manco, puoi star certo che la festa finirà
Più nessuno riderà!
Sono l’acca- ah!
Tra le lettere, Sono quella meno scritta!
Su due lunghe gambe, io me ne sto Letteralmente zitta,
Ma, se in mezzo a tutte le altre, mi ci metto, guarda un po’,
So parlare, son speciale, Necessaria altro che no!
Ah-ah-ah-ah-acca- acca! Yo yo ah-ah-ah-ah-acca!
Alla fine, in fondo in fondo, è questa la faccenda:
Siamo tutti necessari, tutti utili a vicenda,
Siamo tutti un po’ importanti, tutti perlomeno un po’,
Tutti quanti indispensabili
Ciascuno come può!
Sono l’acca-a tra le lettere, sono quella meno scritta!
Su due lunghe gambe, io me ne sto letteralmente zitta,
Ma, se in mezzo a tutte le altre, mi ci metto, guarda un po’,
So parlare, son speciale, necessaria altro che no!
Sono l’acca-a tra le lettere, sono quella meno scritta!
Su due lunghe gambe, io me ne sto letteralmente zitta,
Ma, se in mezzo a tutte le altre, mi ci metto, guarda un po’,
So parlare, son speciale, necessaria altro che no!
Ah -acca!

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI