Isola dei Famosi 2010: 17 aprile. Prova leader e chiarimento tra Guenda e Clarissa

18/04/2010 di Elisa Zanolli

Inizia un nuovo giorno sull’isola e i naufraghi si svegliano alla spicciolata. Clarissa poi avvisa tutti della prova leader che devono sostenere e i naufraghi iniziano a prepararsi. Guenda e Dario non partecipano alla prova perché in nomination e a loro si unisce anche Sandra che spiega la ragione a Guenda: “Che ci vado a fare? La prova leader è per te stesso e non porti nulla al tuo staff”. Sandra, poi, esprime le sue preferenze: “Vorrei che vincesse Denis perché non l’ha mai vinta”. A Guenda non piace questo atteggiamento: “Sandra dovrebbe essere la nonna del gruppo e tifare per tutti e non solo per 2 persone. Io spero che vincano a Daniele o Luca”.

Gli altri naufraghi sono partiti per la prova leader e Dario ha pescato ben 10 pesci. Guenda e Sandra si complimentano. Dario: “Mi trovo bene a stare senza gli altri e quindi mi sento più libero di fare tante cose”. Guenda ha una domanda: “Ma se sai pescare così bene, perché non vai con gli altri?”. Dario: “Agli altri piace pescare e poi si vogliono mettere in mostra. E facciamoli mettere”. Il manager napoletano, poi, fa una riflessione su Sandra e i suoi atteggiamenti nei confronti solo di alcuni naufraghi, come Denis e Nina: “Non capisco perché Sandra debba schierarsi con loro per arrivare in finale con il carisma e lo spirito che ha. Penso che sia qui con degli obiettivi ben chiari”.

Nel frattempo gli altri hanno raggiunto Corn Island dove ad attenderli c’è Rossano, ma via radio. Infatti, in questa prova, saranno tutti separati e non sapranno chi ha vinto se non nella diretta di lunedì 19 aprile. Rossano spiega la prova: “La prova di oggi è molto particolare perché l’ affronterete separatamente ed è per questo che siete stati posizionati lungo tutta la costa di Corn Island. E ascoltate bene, scoprirete chi ha vinto la prova e quindi chi è il leader della settimana soltanto lunedì durante la diretta in prima serata. Adesso vi spiego in cosa consiste il gioco. Sopra di voi c’è una trave, vi ci dovete appendere e rimanerci il più a lungo possibile, senza mai toccare i pali laterali. Chi resisterà di più sarà il nuovo leader di questa settimana”. La prova è molto dura e i naufraghi iniziano, man mano, a cedere: la prima è Silvia, poi, a seguire, Clarissa e Nina. Restano sospesi: Domenico, Denis, Daniele e Luca.

Mentre attendono il ritorno degli altri naufraghi dalla prova leader, Dario e Sandra, nella capanna, sono in vena di confidenze. Sandra: “Clarissa ha fatto una cavolata a dire le strategie di Nina a Guenda”. Dario: “Clarissa sembra forte, ma è stata ingenua”. Sandra concorda: “E’ troppo presuntuosa. Subito mi ha detto che Guenda era dalla sua parte”. Dario: “Ma, secondo te, Nina e Aura erano davvero amiche?”. Il discorso, poi, passa alle amicizie, più o meno vere, che sono nate sull’Isola. Sandra: “Io sono sicura che Nina, con tutto il bene che mi vuole, tra me e Denis sceglie lui”. Dario, poi, le dice: “Io non ho mai capito se io e te siamo amici”. Sandra fa la misteriosa: “Non lo capirai mai perché sei troppo diffidente”.

I partecipanti alla prova leader salpano per Wild Cane Cay e si chiedono chi, tra di loro, può aver vinto la prova. Luca: “Se fossi leader, avrei un voto di peso e potrei attaccare una torre di questo bastione e renderlo più debole”. Daniele: “Essere leader mi potrebbe far sconvolgere tutti i meccanismi”. I naufraghi tornano a “casa” e spiegano la prova ai tre rimasti sull’Isola. Dario: “Secondo me è meglio che non si sappia chi ha vinto così non si possono organizzare giochetti e comprare voti”.

Tra mille congetture, i naufraghi si preparano per la cena. Dopo aver cenato, Guenda raggiunge Clarissa per un ulteriore chiarimento. Guenda chiede scusa a Clarissa perché pensa di aver esagerato e perché: “… So che quando mi dicevi di quei giochi e di quelle strategie non l’hai fatto per prendermi in giro, ma perché volevi soltanto avvertirmi, proteggermi, quindi ti chiedo scusa perché ti voglio bene”. Le due si commuovono. Clarissa: “Io volevo solo difenderti da Aura, da Denis, ma, allo stesso tempo, essendo amica di Nina, non potevo tradirla”. Guenda e Clarissa si abbracciano e la Figlia di Papà: “Io ti rimarrò sempre leale”. Clarissa è soddisfatta: “Il perdono dà un senso di libertà e di gioia”. Pace fatta?

COMMENTI