SANREMO 2016: Zero Assoluto con ‘Di Me e Di Te’ – TESTO e COVER

08/02/2016 di Francesca Tordo

BLOG TIVVU’, SPECIALE SANREMO 2016 – Gli Zero Assoluto torneranno per la terza volta al Festival di Sanremo in occasione della 66esima edizione in partenza dal 9 febbraio 2016. Le precedenti partecipazioni sono state nel 2006 con la canzone ‘Svegliarsi la mattina’ e l’anno seguente con il brano intitolato ‘Appena prima di partire’. E così, dopo nove anni di assenza son pronti a salire sul palcoscenico dell’Ariston con il brano ‘Di Me e Di Te’. “Il nostro pezzo è molto ritmato e ci rappresenta. Racconta l’urgenza di parlarsi perché spesso il silenzio nasconde la soluzione dei problemi”, ha dichiarato Matteo al Tv, Sorrisi e Canzoni.

GLI ZERO ASSOLUTO A SANREMO 2016 CON ‘DI ME E DI TE’ – E’ sempre Matteo, sulle pagine del settimanale diretto da Aldo Vitali, a commentare la loro partecipazione a Sanremo 2016 asserendo che la kermesse gli ha sempre portato molta fortuna. Il loro nuovo album porterà il medesimo titolo del brano che porteranno sull’Ariston ed uscirà il prossimo marzo.

GLI ZERO ASSOLUTO A SANREMO 2016: ECCO LA COVER – A Sanremo 2016, durante la serata del venerdì dedicata alle cover, gli Zero Assoluto porteranno il brano ‘Goldrake’ degli Actarus del 1978, sigla del celebre cartone animato amatissimo negli anni ’80. Una scelta sorprendente in merito alla quale il duo ha commentato: “E’ una canzone che tutti conoscono, ma che mai ti aspetteresti di sentire a Sanremo”.

Foto Credit: © PIGI CIPELLI 2016

Di Me e di Te

di T. De Gasperi – A. Filippelli – M. Maffucci – L. Vicini – T. De Gasperi – A. Filippelli – M. Maffucci
Ed. Sony/ATV Music Publishing (Italy)/ EMI Music Publishing Italia/Quarantotto – Milano

Parlami di te e dei tuoi silenzi
Dei tuoi occhi che sono sempre senza sguardi
Parlami per non dimenticare per non avere più timore
Parlami di partecipazione
Ma questa vita ci fa solo che mentire
Parlami perché ti so ascoltare
Anche se poi non so che dire
Di un amore che fa pugni senza guanti
Di ritorni che han sapore di partenze
Di un cuore che ha più stanze di un albergo
Mentre guardo le stelle levarsi nei tuoi cieli
Di sognare i tuoi sguardi ad occhi aperti
Di temporali che ci urlano contro
Di me e di te
E basterebbe solo sporcarci di parole
Leggendoci negli occhi
La paura e l’emozione
Ci siamo persi in una strada tra follia e vita
La follia eri tu
In questa vita che grida e che spinge lontano
Se molli la presa mi scivoli piano
Ma che cosa vuol dire sentirsi insicuri
La teoria degli esclusi e la poesia degli illusi
Occhi chiusi
Di un amore che fa pugni senza guanti
Di ritorni che han sapore di partenze
Di un cuore che ha più stanze di un albergo
Mentre guardo le stelle levarsi nei tuoi cieli
Di sognare i tuoi sguardi ad occhi aperti
Di temporali che ci urlano contro
Di me e di te
Di me e di te
Di me e di te
E tira su gli occhi
Non serve guardare lontano
Parliamoci adesso
Di un amore che fa pugni senza guanti
Di ritorni che han sapore di partenze
Di un cuore che ha più stanze di un albergo
Mentre guardo le stelle… le stelle
Di sognare i tuoi sguardi ad occhi aperti
Di temporali che ci urlano contro
Di me e di te
Di me e di te
Di me e di te
E tira su gli occhi
Non serve guardare lontano
Parliamoci adesso
Di me e di te
Di me e di te
Di me e di te
Di sognare i tuoi sguardi ad occhi aperti
Di temporali che ci urlano contro
Di me e di te
Di me e di te
Di me e di te

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTI I TESTI DI SANREMO 2016

Appassionata del gossip italiano e non solo. Mi piace scrivere di fiction e anticipazioni Tv.

COMMENTI