Sangiovanni e l’amore per Giulia Stabile: la sua “presenza” anche a Sanremo, il retroscena

11/08/2022 di Emanuela Longo

Sangiovanni e Giulia Stabile

Quello tra Sangiovanni e Giulia Stabile, i due vincitori di Amici 20 (lui nella categoria canto, lei dell’intera edizione), si è sempre basato sulla sintonia reciproca e sulla spontaneità dei rispettivi sentimenti. Di recente il giovane cantante – che continua a collezionare un successo dietro l’altro – si è concesso ad una interessante intervista al settimanale Oggi, prontamente ripresa dalle colleghe di IsaeChia.it, alla quale ha parlato proprio di amore.

Sangiovanni, tra Giulia Stabile e il sogno di una vita ‘normale’

Sangiovanni e Giulia Stabile si sono conosciuti proprio nel corso della loro permanenza nella Scuola televisiva di Amici 20 e da allora il loro amore è proseguito spedito nonostante gli impegni reciproci e talvolta le distanze. A proposito di questo, Sangiovanni ha svelato un retroscena sulla sua partecipazione a Sanremo con il brano “Farfalle”:

L’amore per me è condivisione, armonia, donarsi senza aspettative. Giulia mi è vicina in ogni tappa importante: prima di Sanremo, ad esempio, mi ha invitato a divertirmi, essere me stesso e spaccare! Per sentirla vicina ho indossato una collanina con il suo nome.

A proposito del suo grande successo in ambito musicale, il giovane cantante ha commentato:

Non pensavo nemmeno di fare musica. Immaginavo di occuparmi di arte, disegno, fotografia oppure di moda, altra grande passione che un giorno spero di poter coltivare. Non ambivo alla fama, soltanto ad una vita creativa che mi permettesse di esprimere la mia identità.

I suoi sogni, d’altronde, sono quelli di una vita serena e semplice all’insegna della normalità:

Una casa con un giardino spazioso da vivere con i miei affetti e un cane, che ancora non ho.

Sangio si riconferma un ragazzo dal cuore d’oro. Fa bene Giulia a tenerserlo ben stretto!

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI