Riassunto Grande Fratello 2015, terzultima puntata: Simone e Federica in finale alla ‘faccia’ dell’italiano becero

27/11/2015 di Valentina Gambino

Ieri, giovedì 26 novembre abbiamo assistito al teatrino di Alessandro Calabrese durante il corso della terzultima puntata del Grande Fratello 2015, condotto come sempre da Alessia Marcuzzi con la partecipazione di Cristiano Malgioglio e Claudio Amendola (incaricato dalla redazione di offrire a Calabrese informazioni sulla Roma anche se l’attore, vorrebbe visibilmente scazzottarlo). Questo terzultimo appuntamento è stato l’apoteosi del ‘piccolo uomo’. Calabrese e Parisi ne sono due perfetti esponenti (non del tutto rari peraltro).

Riassunto Grande Fratello: Federica e Simone in finale alla ‘faccia’ del maschilismo becero

Il maschilismo becero che trasudano personaggi come Alessandro, Livio e Manfredi fa orrore a qualsiasi uomo un minimo dotato di raziocinio. Il piano di Calabrese e Parisi era quello di cercare di ‘sedurre’ Federica per fare vedere all’Italia quanto la ragazza potesse essere facile. Ed invece la Lepanto è finita dritta in finale (a loro insaputa) insieme a Simone, chiudendosi la porta alla spalle e regalando loro un enorme due di picche. Il piccolo zerbino inoltre, ha quasi supplicato Lidia, nel corso della diretta di dirgli “Sono innamorata di te”.

La bulla di Bollat… ehm, l’ex gieffina siciliana, quasi stremata ha pronunciato: “Sì, sono innamorata di te”. Federica prima di uscire, ha anche esclamato: “Mi fa piacere per te e Lidia, noi cerchiamo di essere amici…”. Calabrese ovviamente, non essendo riuscito a (perdonate il francesismo) a ‘svuotare le cosiddette’ (sì, sappiamo che lui ne è privo) è riuscito ad essere cattivo e volgare anche mentre la ragazza andava via, puntandole il dito contro e urlando.

Tra le altre cose (vi prego di iniziare a ridere già da ora), le presunte volgarità di Federica erano frasi del tipo: Mi dispiace, ti avrei fatto vedere i fuochi d’artificio”. Oddio che peccato mortale… è vero Rebecca? La De Pasquale ha dato il peggio di sé in puntata dopo il video in confessionale contro Federica. Dire che, una come lei, dovrebbe essere in grado di comprendere gli squallidi pregiudizi meglio di chiunque altro… ed invece la gente sbaglia.

Sono entrata in contatto con ex amici gay che professavano la ‘fede’ dell’omofobia e della misoginia, quindi smettiamola anche con i luoghi comuni e le frasi fatte da ragazzina delle medie: “I gay sono più sensibili…”. I gay, le lesbiche, i trans, i bisessuali, gli etero (e tutto quello che volete voi) sono degli esseri umani normali e, come tali, possono essere, intelligenti, stupidi, perspicaci, cattivi, ignoranti e mille altre cose ancora. Rebecca, nonostante tutto, ha dimostrato di essere falsa, cattiva ed invidiosa. Finalmente Simone ha aperto gli occhi mettendo da parte l’amicizia con lei ed aprendo le braccia a Federica e le sue deliziose fragilità.

Una puntata, quella di ieri, giovedì 26 novembre, che mi ha fatto innervosire non poco per le innumerevoli sfaccettature sgradevoli che ha evidenziato una piccola Italia becera e vuota di contenuti. Il garage, luogo simbolico di ‘penitenza’ e ‘punizione’ ha accolto le persone più vere e pulite di questa 14esima edizione del Grande Fratello 2015: Simone Nicastri e Federica Lepanto che, con molta probabilità si contenderanno il primo e il secondo posto. Vinca il migliore, io, sarò felice ugualmente… ci vediamo in semifinale!

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI