J-Ax difende Sergio Sylvestre e attacca Matteo Salvini, il video delle prove mette fine alle polemiche

20/06/2020 di Valentina Gambino

J-Ax difende Sergio Sylvestre e attacca Salvini

Dopo la sua esibizione in occasione della partita di Coppa Italia, Sergio Sylvestre è stato ricoperto di insulti per avere mostrato emozione cantando l’inno di Mameli. Quel tentennare per alcuni istanti per via dell’emotività, ha scatenato la vergognosa reazione dei leoni da tastiera che hanno vomitato sui social insulti razzisti ed offese aberranti.

J-Ax difende Sergio Sylvestre e attacca Salvini

Dopo le parole di Emma Marrone, Elodie e Fedez (cliccare per credere), sulla questione è voluto intervenire J-Ax che con Sergio Sylvestre ha lavorato più volte.

Ho conosciuto Sergio quando ho fatto Amici insieme al mio fratello Nek. Ho conosciuto un ragazzo timido, riservato e innamorato di due cose: la musica e l’Italia. Sergio a differenza di molti semplici “performer” è un vero artista e come tutti gli artisti è estremamente sensibile. Più volte durante Amici l’ho visto commuoversi provando un pezzo o fermarsi per la troppa emozione. Ma questo è il segno distintivo non solo di un vero artista, ma anche di un vero uomo.

Ovvero di qualcuno che non ha paura di svelare le proprie emozioni. A differenza degli imbarazzanti e ignoranti che diffondono odio sui social e a cui paghiamo lo stipendio da decenni che non conoscono nemmeno il significato di un pugno chiuso per un ragazzo afroamericano. Andate ad ascoltarvi “L’Italia per me” e ascoltate dallo stesso Sergio cosa rappresenta questo Paese per lui.

Nel frattempo Sergio ha pubblicato un video delle prove dove l’inno – ovviamente – lo conosce in maniera perfetta. La sua era semplice, bellissima e giustificabile emozione. E voi che lo offendete ricoprendolo di insulti razzisti, lasciatelo dire, fate veramente schifo.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI