Clizia squalificata dal GF Vip: parole su Buscetta “gravi da condannare”, lei “Ho vanificato tutto”

24/02/2020 di Emanuela Longo

Clizia Incorvaia

Durante le nomination palesi della precedente puntata del Grande Fratello Vip, c’è stata una lite violentissima tra Clizia Incorvaia ed Andrea Denver. Tutto è stato riassunto in un video prima di affrontare direttamente la delicata questione che tiene banco da ormai diversi giorni.

Lite tra Clizia e Denver

Clizia Incorvaia

Alfonso Signorini ha prontamente incalzato Clizia Incorvaia chiedendole come mai si fosse sentita messa al patibolo:

Vedevo in Denver un amico e mi sono sentita colpita con un pugno in faccia, ha risvegliato in me il fatto dell’essere tradita, del sentirmi inadeguata. Mi potevano nominare tutti ma non Denver. Io in questo gioco ho messo troppo sentimento.

La parola è passata velocemente a Denver che ha spiegato i motivi della nomination all’ex di Francesco Sarcina:

Non sapevo chi votare, non volevo ferire nessuno, non c’era cattiveria, ho sempre avuto un bellissimo rapporto con Clizia. Ho votato lei perchè ho sempre avuto grande stima di Paolo e grande rispetto e l’ho sempre ammirato e dovendo scegliere ho scelto Clizia senza cattiveria.

Il provvedimento del Grande Fratello Vip

La cosa più importante, tuttavia, ha a che fare con le frasi pronunciate da Clizia nel corso dello scontro con Denver, quando sinteticamente lo ha definito “un maledetto Buscetta” (Clicca qui per comprendere cosa c’è dietro questa frase orrenda).

Chiamata nella stanza super led, Alfonso Signorini ha voluto fare un discorso molto importante partendo dalla foto di Tommaso Buscetta. Clizia ha prontamente commentato:

Io vengo da una realtà – sono siciliana – dove abbiamo combattuto la mafia, dove si ammazzavano per strada, in quel momento non so perchè l’ho detto in modo inconsapevole e teatrale. Noi vivevamo per Borsellino e Falcone. Chiedo scusa a tutte le famiglie che stanno lottando contro questo brutto cancro, alla mia famiglia, chiedo scusa a tutti.

Quindi non sono mancate le immagini con le parole gravissime contro Denver e le reazioni dei media. La parola è passata ad Alfonso Signorini:

Nessuno di noi, né io né gli altri possiamo pensare che con queste orrende espressioni abbia legittimato l’omertà mafiosa. Nessuno vuole fare di te una mafiosa o una sostenitrice dell’omertà di stampo mafioso, ma hai detto espressioni molto pesanti che noi non possiamo accettare e ti spiego perchè. Buscetta era un criminale e ha fatto cose orrende ma poi ha collaborato grazie a Falcone mettendo a rischio la sua vita facendo sì che le cosche mafiose venissero sgominate […] La parola pentito è un insulto grave per tante ragioni, offendi chi la mafia la combatte ogni giorni e chi ha perso la vita per questo, il fatto che lo dica tu che sei una siciliana, lo rende ancora più grave. Abbiamo cercato in tutti i modi di analizzare le tue espressioni e valutare le tue parole, credimi e te lo dico con il cuore in mano ma erano parole indifendibili.

Clizia, sconvolta, ha commentato in risposta al conduttore:

Potete crocifiggermi, so tutta la storia, l’ho combattuta anche io la mafia, ho detto questa stupidata per dire che sei un vile, non so perchè mi è venuta questa cosa. L’ho detto da cretinetta stupida. Ho sbagliato, voglio andare fuori. Non lo so perchè ho detto questa cosa orribile, sono sotto stress ho pensato a quella cosa che si diceva a scuola.

Alfonso è intervenuto ancora:

Proprio perchè ti conosciamo e sappiamo la donna che sei, non devi vivere questa come una crocifissione. Hai chiesto scusa ed è quello che conta.

Poco prima del provvedimento Clizia ha ribadito: “Merito di andare a casa, mi spiace, sono onesta”. Denver si è limitato a dire: “Mi dispiace vederla così, sono parole che ho sentito ma quel confronto è stato sufficiente per chiuderla lì. Ma mi dispiace adesso vederla così scossa”. Dopo aver sentito il pare di alcuni suoi compagni, da Paolo Ciavarro ad Adriana Volpe, è arrivato il tempo del provvedimento non prima dell’ultimo commento di Clizia: “Ho vanificato tutto”. Parola a Signorini:

Ieri abbiamo deciso di annullare il televoto. Sicuramente le tue parole gravi avevano un significato che andavano oltre le tue stesse intenzioni ma quello che hai detto e ripetuto più volte deve essere condannato non solo nel nostro programma ma nella vita quotidiana e per queste ragioni sei ufficialmente squalificata dal gioco e devi immediatamente abbandonare la casa, ci dispiace.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI