Uomini e Donne, esplosione nella villa di ex coppia trono over: lei è grave

02/07/2019 di Valentina Gambino

Uomini e Donne Over, ex protagonisti vittime di una esplosione: ecco cosa è successo

Terribile incidente per due ex protagonisti del trono over di Uomini e Donne. Loro sono Carmine e Anna. Dopo pochissime settimane di conoscenza, la coppia ha deciso di viversi il loro amore fuori, lontani dalle telecamere del programma di Canale 5. I due attualmente vivono a Migliano, una frazione di Lauro in provincia di Avellino. Proprio lì lo scorso 25 giugno è avvenuta una esplosione causata da una fuga di gas.

Uomini e Donne Over, ex dama grave dopo esplosione

L’incidente è avvenuto intorno alle 9 di mattina del 25 giugno scorso ma la notizia si è diffusa massicciamente solamente in queste ore, così come riporta Il Giornale online. L’esplosione è avvenuta mentre Anna stava aprendo il frigorifero e il compagno Carmine si trovava in bagno: a causarla è stata una probabile fuga di gas. A tal proposito, sul sito del Comando dei Vigili del Fuoco di Avellino, tra i primi ad intervenire sul posto, si legge: “Nella violenta esplosione rimanevano feriti i due occupanti, un uomo di 81 anni e una donna di 70 anni. Quest’ultima trasportata presso il centro grandi ustionati dell’Ospedale di Bari per le gravi ferite riportate”.

Ma come stanno gli ex protagonisti del trono over di Uomini e Donne? Carmine, di 81 anni, medicato sul posto, pare se la sia cavata con molta paura e qualche lieve ferita. Ad Anna purtroppo, è andata peggio. La 70enne è stata trasportata presso il centro grandi ustionati di Bari, ricoverata per via delle gravi ustioni riportate alle braccia, alle gambe e alla testa. Attualmente lotta tra la vita e la morte. Noi di Blog Tivvù ci stringiamo forte alla famiglia della coppia, sperando di potervi aggiornare presto con buone notizie.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI