Sotto Copertura, la canzone rap Miettice ‘a faccia di Lucariello: TESTO e VIDEO

02/11/2015 di Emanuela Longo

Questa sera andrà in onda sulla prima rete di casa Rai, in prima serata dalle ore 21:10 circa, la mini fiction in due puntate dal titolo Sotto Copertura, con la presenza nel cast di Claudio Gioè nei panni del commissario Michele Romano. La serie sarà trasmessa il 2 ed il 3 novembre 2015 e si basa su una storia vera poiché racconta il grande lavoro investigativo che ha portato alla fine dell’organizzazione criminale gestita dai Casalesi, con il clamoroso arresto del capo clan latitante Antonio Iovine. La figura del commissario Michele Romano è ispirata a Vittorio Pisani, vero capo della Squadra Mobile di Napoli che effettuò la cattura del boss.

In attesa della messa in onda delle due puntate di Sotto Copertura in programma per stasera e domani su RaiUno, vi proponiamo a seguire il testo completo ed il video – a fine articolo – del brano rap intitolato Miettice ‘a faccia, ovvero Mettici la faccia. La canzone è rappata da Lucariello, al secolo Luca Caiazzo e i telespettatori potranno ascoltarla al fine delle due puntate della mini fiction.

Dopo aver interpretato la sigla della pellicola Gomorra, Lucariello si cimenta ora in un’altra sigla rap per Sotto Copertura. La musica vede la firma di Paolo Buonvino. Il brano è cantato in dialetto napoletano e contiene un forte messaggio in favore della lotta all’illegalità e alle mafie. A seguire le informazioni relative al videoclip prima del testo di Miettice ‘a faccia.

Il video ufficiale della canzone rap Miettice ‘a faccia, sigla della mini fiction in due puntate, Sotto Copertura, è stato girato tra Casal di Principe, Roma e Milano. Tutto ciò non è un caso in quanto sta a dimostrare come il problema riguardi tutta Italia, da nord a sud. Lo stesso video, inoltre, è legato alla campagna di comunicazione Rai, realizzata in collaborazione con Luxvide, finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica verso la delicata questione della criminalità organizzata (l’hashtag #metticilafaccia).

Ecco di seguito il testo del brano rap: Lucariello – Miettice ‘a faccia

È ‘a storia mia, ‘a storia toja,
‘a storia e chi ce crede ancora.
Nunn’è ‘na storie d’eroi, è ‘na storia d’errori,
‘na storia d’orrori, na storia e dulor, ‘na storia d’ammor

E clan stann dint ‘e stanze de’ buttun
cu ‘e politici accattun, pe’ dduje sord te n’accatt’ uno
‘a speranza è ‘na criatura ca si nun tien cura
se fa chiammà paura, e lla te a mettere appaura

Stu stival è tutt ‘e ‘ual, si staje ‘e cas a Casale o a Milano
Stu stival è tutt ‘e ‘ual, si staje cas a Casale o a Milano
Si vuò ‘na prova e curaggio miettice ‘a faccia
Quanne ‘a paura t’abbracce miettice ‘a faccia
Dint a ‘nu stato e minaccia miettice ‘a faccia
Miett ca ovèr cia facc,
miettice ‘a faccia

Si vuò ‘na prova e curaggio miettice ‘a faccia
Quanne ‘a paura t’abbracce miettice ‘a faccia
Dint a ‘nu stato e minaccia miettice ‘a faccia
Quanne ‘a speranza s’arragg’
Miettice ‘a faccia

Nunn’è ‘na storie d’eroi, è ‘na storia d’errori,
‘na storia d’orrori, na storia e dulor, ‘na storia d’ammor

E clan stann dint ‘e stanze de’ buttun
cu ‘e politici accattun, cu’ dduje sord te n’accatt’ uno
‘a speranza è ‘na criatura ca si nun tien cura
se fa chiammà paura, e lla te a mettere appaura
Stu stival è tutt ‘e ‘ual, si staje ‘e cas a Casale o a Milano
Stu stival è tutt ‘e ‘ual, si staje cas a Casale o a Milano

Si vuò ‘na prova e curaggio miettice ‘a faccia
Quanne ‘a paura t’abbracce miettice ‘a faccia
Dint a ‘nu stato e minaccia miettice ‘a faccia
Quanne ‘o dulore te stracce, miettice ‘a faccia

Si vuò ‘na prova e curaggio miettice ‘a faccia
Si m’e ditt che c’ha faccio miettice ‘a faccia
Dint a nu stadio e minaccia miettice ‘a faccia
m’e ditt che ‘o vero c’ha faccio, miettice ‘a faccia

Si vuò ‘na prova e curaggio miettice ‘a faccia
Quanne ‘a paura t’abbracce miettice ‘a faccia
Dint a ‘nu stato e minaccia miettice ‘a faccia
Quanne ‘a speranza s’arragg’
Miettice ‘a faccia

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI