Manuel Aspidi a Blogtivvù: “Non avevo la canzone adatta per Sanremo. Ma l’anno prossimo ci proverò tra i giovani”. E dal 24 febbraio è a teatro con altri ex Amici

22/02/2011 di Massimo Galanto

Nella settimana del Festival della canzone italiana, a Sanremo, invasa da televisioni, giornalisti e turisti, abbiamo incontrato Manuel Aspidi, cantante ed ex partecipante alla sesta edizione di Amici di Maria De Filippi. Il giovane cantante, noto anche per l’interpretazione della canzone di successo, “Soli a metà“, che abbiamo intervistato prima della sua partecipazione a “Linfestival from Sanremo”, programma realizzato da Piazza Bresca da LinfaTv, ha esternato le proprie impressioni sulla kermesse canora ed ci ha anticipato qualcosa riguardante la propria carriera:

Un tuo primo giudizio sulle canzoni che hai ascoltato nel corso della 61^ edizione del Festival di Sanremo…

Mi sono piaciute le canzoni di Giusy Ferreri, di Emma con i Modà, i quali stimo molto anche perché colui che scrive i testi è molto, molto bravo. Poi ho avuto modo di ascoltare la canzone di Nathalie, che a me piace in particolar modo; le altre mi sono piaciute abbastanza, ma col fatto che sono abbastanza giovane prediligo musica moderna, ma non disdegno gli altri generi… anzi, complimenti a tutti quanti.

Negli scorsi anni hai mai provato a gareggiare nel Festival?

Mai, perché non avevo un pezzo che rispecchiasse quello che ero io. Quindi, prima di fare un a canzone tanto per farla, preferisco avere un brano che risalti le mie qualità; non voglio fare un buco nell’acqua; Sanremo è un’arma a doppio taglio: se vai là devi essere ben preparato e avere un pezzo che possa piacere anche al pubblico. Perciò preferisco aspettare di averlo, francamente.

Qualche tempo fa è uscito il tuo singolo. E a breve inizierai uno spettacolo teatrale…

Il mio singolo è uscito in estate ed è stato scritto da Niccolò Agliardi, l’autore di Laura Pausini e di altri artisti. E’ stato un grandissimo onore poter lavorare con questo grandissimo artista eclettico. Dopo “Soli a metà”, che ebbe un grandissimo successo, ripresentarsi con un nuovo singolo comporta un pò di timore e paura di fare una brutta figura. E, invece, è andato molto bene e sono contento. Ora, inoltre, sto facendo le prove del tour teatrale, che partirà il 24 febbraio a Firenze (Danza in fiera). Le altre date saranno consultabili nel sito ufficiale che è a breve sarà pronto.

Nello spettacolo sei affiancato da altri ex Amici…

Sì, le coreografie sono di Luca Barbagallo (nel cast sono presenti anche Cassandra De Rosa, Susy Fucillo e altri ex allievi del talent di Canale 5, ndr). Stiamo lavorando insieme, è uno spettacolo bellissimo; io dovrò anche ballare, quindi ..tutto da dire. Si chiama “The black souls“, è da vedere.

Segui ancora Amici? Tu partecipasti nell’edizione in cui ancora non erano presenti i discografici…

Io partecipai all’edizione in cui fecero pubblicare soltanto la compilation “Bianco e blu”, in cui io cantavo “Soli a metà”. Il singolo quell’anno andò benissimo, rimase primo per molti mesi nelle classifiche, diventando disco d’oro e hit parade. Pertanto, nonostante quell’anno non ci fossero i discografici, la mia soddisfazione l’ho avuta. Negli anni successivi, comunque, si continua a seguire Amici perché fa piacere ricordare che anche te sei stato là e vedere ragazzi che, come te, inseguono un sogno e sperano di realizzarlo, anche se sono molto più fortunati di me. Ho sempre tifato per Alessandra Amoroso. E anche quest’anno, quando posso, lo segue abbastanza. Mi piace guardarlo.

Due anni fa Sanremo fu vinto da Marco Carta. L’anno scorso da Valerio Scanu. Quest’anno la favorita era Emma Marrone. Tutti talenti di Amici. L’anno prossimo?

Speriamo che sia io (ride, ndr).

C’è un progetto a riguardo?

Si, sicuramente il prossimo anno proverò tra i giovani. Già sto ricevendo moltissimi brani, ho le mail intasate per i brani che i diversi autori mi stanno inviando. Speriamo per il prossimo anno.

Sono previste tue apparizioni  televisive prossimamente?

Dunque, è uscito da poco un programma che ho registrato in estate e che si chiama “Caciara”, che è una specie di “Top of the Pops”. Sarà su Sky e sul digitale e su una serie di canali nazionali. E poi ci sono delle cose in ballo, che però, io che sono molto scaramantico, preferisco non dire… e tengo la bocca cucita.

COMMENTI