Giusy Ferreri presto mamma: il pancione nel video de “L’amore mi perseguita” con Federico Zampaglione

26/08/2017 di Emanuela Longo

Giusy Ferreri è diventata mamma

Una Giusy Ferreri raggiante, quella che emerge nel video del brano L’amore mi perseguita, in radio da ieri. La canzone vede la partecipazione artistica di Federico Zampaglione, autore del testo oltre che presenza nel video insieme alla cantante di origini palermitane. Dopo il successo straordinario con il brano dell’estate, Partiti Adesso, è tempo di una nuova grande hit della quale è uscito ieri anche il videoclip che vede ancora il tocco di Zampaglione in regia. Scopriamo qualche curiosità proprio sul video de L’amore mi perseguita, in cui Giusy Ferreri sfoggia il suo pancione.

L’amore di perseguita di Giusy Ferreri, il video

La cantante Giusy Ferreri, all’ottavo mese di gravidanza, non ha potuto nascondere il pancione nel video del brano L’amore mi perseguita, singolo contenuto in “Girotondo”. L’album è prodotto da Fabrizio Ferraguzzo e composto da 14 tracce tra cui Fa Talmente Male, presentato sul palco della 67^ edizione del Festival di Sanremo. Nell’album anche il singolo Partiti Adesso, diventato in poco tempo una hit radiofonica.

Tornando al video del nuovo singolo, questo è girato a Milano e Zampaglione ha scelto come location il parco “Indro Montanelli”, nel capoluogo Lombardo. Una collaborazione, quella con Federico, molto forte, come emerge dalle dichiarazioni di Giusy. “L’Amore mi perseguita è un bellissimo dono ricevuto da Federico Zampaglione che oltre ad averlo scritto ha deciso di cantarlo insieme a me in questo disco”, ha raccontato la cantante.

“È un brano passionale che racconta di un amore che, nonostante sembri lasciarsi andare, ritorna costantemente sui suoi passi per ammettere e riconoscere che a volte ciò che unisce due persone è più forte di ciò che le divide. Un amore talmente forte che quasi ti perseguita…”, ha spiegato. A seguire il video del brano.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI