Fase 2, al via da oggi: cosa posso fare e cosa no, mascherine e autocertificazione da scaricare

04/05/2020 di Valentina Gambino

Fase 2, al via da oggi: cosa posso fare e cosa no,

Al via la Fase 2. Da oggi, lunedì 4 maggio, come annunciato dal dpcm dello scorso 26 aprile, ci sarà un primo allentamento delle misure restrittive, dopo la durissima fase del lockdown per l’emergenza coronavirus. L’altro ieri sono state pubblicate le Faq sul sito del governo, che danno un’interpretazione del testo dell’ultimo decreto.

Fase 2, cosa posso fare?

Quali sono le attività che possiamo incominciare a fare da oggi? Ecco una dettagliata lista di quello che ci è permesso dal 4 maggio.

  1. Andare dai parenti
  2. Comprare cibi e bevande d’asporto
  3. Uscire dal proprio comune (solo per comprovati motivi di lavoro, di salute e necessità)
  4. Spostarsi da una regione all’altra (solo per comprovati motivi di lavoro, di salute e di assoluta urgenza)
  5. Tornare al proprio domicilio o residenza
  6. Fare attività fisica individuale all’aperto lontano da casa
  7. Andare nei parchi e nei giardini (con divido di assembramento)
  8. Allenamenti professionisti sport individuali
  9. Partecipare ai funerali (max 15 persone)

Cosa NON posso fare

  1. Andare a trovare gli amici
  2. Fare riunioni di famiglia e party privati
  3. Recarsi nelle seconde case
  4. Andare a mangiare al ristorante
  5. Usare le aree giochi per i bambini nei parchi e nei giardini pubblici
  6. Fare attività sportive di gruppo o 1 VS 1
  7. Andare nei musei e nelle biblioteche
  8. Usare i mezzi pubblici senza mascherina
  9. Andare dal parrucchiere, barbiere o estetista
  10. Fare shopping nei negozi
  11. Andare a messa

Mascherine

Da oggi, lunedì 4 maggio, è obbligatorio l’utilizzo di mascherine nei luoghi chiusi pubblici (negozi e supermercati, bus e treni) e in tutte le occasioni in cui non sia garantita la distanza di sicurezza. I bambini sotto i 6 anni sono esentati.

Fase 2, autocertificazione

Non sarà più necessario mostrare l’autocertificazione per motivi di lavoro. In caso di controllo delle forze dell’ordine, basterà mostrare il tesserino o un’attestazione affine. La polizia può richiedere la compilazione del nuovo modello per successiva verifica (cliccate qui per scaricare il modulo in versione PDF).

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI