C’è posta per te, come cambia con il Coronavirus? Maria De Filippi: “Non so se ci sarà la busta”

02/04/2020 di Emanuela Longo

C'è posta per te

Anche C’è posta per te, lo storico programma di Maria De Filippi record del sabato sera in termini di ascolti, potrebbe subire una vera e propria rivoluzione a causa del Coronavirus. Non è ancora chiaro se si farà ma se così fosse certamente l’apertura della busta, nei casi positivi, potrebbe questa volta rappresentare un vero e proprio problema. Più che la busta in sé, i baci e gli abbracci potrebbero rappresentare il vero “ostacolo”. Un vero e proprio paradosso ai tempi del Coronavirus.

C’è posta per te, come cambia con il Coronavirus? Parla Maria De Filippi

A causa del Coronavirus, proprio la padrona di casa Maria De Filippi ha reso noti i suoi dubbi sulla prossima edizione del programma C’è posta per te.

La busta di C’è posta che si toglie e l’abbraccio si potranno ancora fare? Ora non lo so.

Lo ha confidato nel corso di una recente intervista al quotidiano Corriere della Sera. La moglie di Maurizio Costanzo – che proprio nelle passate ore è stato al centro di una incredibile e vergognosa fake news – ha proseguito:

Ma so che la tv deve corrispondere a quello che succede fuori, questo è il momento che viviamo e di conseguenza va pensato tutto diversamente.

Certamente tutti i programmi o quasi subiranno delle profonde trasformazioni:

Magari dovremo abituarci a una riduzione del pubblico, abbiamo visto che si può fare per necessità Tv anche senza ospiti, ci dovremo adattare perché non sappiamo quanto durerà e gli investimenti saranno necessariamente ridimensionati. Ma la Tv – la Tv che faccio io – ha sempre rispecchiato la realtà e dunque dovremo rimodularci: bisognerà dare più importanza alle parole e meno ai comportamenti e quello che diremo dovrà corrispondere ai sentimenti che manifestiamo.

Non solo la tv ma anche la sua vita è cambiata inevitabilmente a causa del Coronavirus. Ad esempio nel rapporto in casa con Maurizio Costanzo:

Prendiamo tutte le precauzioni. Al lavoro siamo tutti con le mascherine e manteniamo le distanze, viviamo una quarantena collettiva. A casa è tutto disinfettato con l’alcol, le scarpe rimangono sul pianerottolo, all’ingresso c’è l’Amuchina, per la cena si sta nello stesso tavolo ma lontani. A tutti noi è venuta a mancare la normalità, che adesso capiamo essere la cosa più importante del mondo: la tua vita normale – per quanto a volte la ritenevi banale – è invece essa stessa la vita più vera.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Questa edizione piena di emozioni, divertimento e grandissimi ospiti è giunta al termine 💌 Grazie per averci fatto compagnia, siete speciali! ❤ #CePostaPerTe

Un post condiviso da C’è Posta Per Te (@cepostaperteufficiale) in data:

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI