Ballarò, il monologo di Neri Marcorè: Gasparri prende in ostaggio Maurizio Crozza – VIDEO

11/02/2013 di Emanuela Longo

Nella prima serata della domenica di RaiTre, come annunciato, al posto della consueta puntata in compagnia di Riccardo Iacona e delle inchieste di Presadiretta, è andato in onda un appuntamento speciale all’insegna del talk show politico condotto da Giovanni Floris, Ballarò, con nuovi argomenti e ospiti, in vista delle ultime battute della campagna elettorale in corso. Solitamente siamo abituati a vedere, in apertura di trasmissione, la copertina satirica realizzata dal comico genovese Maurizio Crozza, pronto ad illustrarci con la sua consueta ironia gli ultimi avvenimenti della settimana.

Questa volta però, a causa dell’invito a Sanremo di Crozza, atteso nella puntata d’esordio della celebre manifestazione canora, al suo posto Ballarò ha accolto il monologo di Neri Marcorè che, mascherato da Gasparri, ha esordito: “La copertina non c’è, è finito il tempo del cabaret! Questa è un’azione dimostrativa!”, annunciando di aver preso in ostaggio il comico Crozza, in video al suo fianco, capo chino: “Se volete rivedere Crozza Libero – con tanto di quotidiano in mano – dovete: darci spazi televisivi adeguati nei programmi politici; le spigole con le patate a Montecitorio devono ritornare al prezzo politico di 3 euro e 30; poi rivoglio l’auto blu, la piccola blu, cieli blu…; scambio di prigionieri politici…”.

Tolti i panni di Gasparri, Marcorè si è poi rivolto ad una delle ospiti in studio nel corso della puntata, Mara Carfagna: “Fortuna che c’è la Carfagna elettorale, che qualcosa tira sempre su…”. Battuta a quanto pare non gradita dalla stessa Carfagna, in base alla sua espressione e al commento non appena ha avuto la possibilità di parlare.

A seguire, vi riproponiamo il video del monologo di Marcorè.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI