Amici 10, vincono i bianchi ma Giulia si sente male: eliminazione rinviata. Garrison contro Garofalo. Debora a Vito: “Sei uno stronzo”. Poi i due si baciano

07/02/2011 di Massimo Galanto

Finale irreale per la quinta puntata serale di Amici 10. La squadra bianca ha vinto la consueta sfida domenicale, ma l’eliminazione di un allievo blu è stata rimandata. Infatti, nel finale della diretta, dopo la prima nomination ai danni di Debora (salvata dai tre giudici) la ballerina bianca Giulia ha subìto un malore. Appena dopo aver danzato la variazione della Bayadèr, per il confronto finale contro Debora, la giovane ballerina si è accasciata per terra. Le sue condizioni comunque non sono preoccupanti, come la stessa Maria De Filippi ha spiegato dopo il break pubblicitario lanciato a sorpresa per soccorrere Giulia. Quest’ultima, infatti, già da qualche giorno era febbricitante e quello avvenuto ieri sera sembra essere stato un semplice calo di pressione.

La puntata così si è chiusa senza un verdetto. Maria De Filippi ha deciso, imperiosa (“Se non vi va bene, fa lo stesso”), di rinviare l’eliminazione di un blu, a causa dell’assenza dallo studio di Giulia, soccorsa dai medici dietro le quinte, e quindi impossibilitata a compiere la propria nomination.

La scelta della De Filippi di troncare la diretta (peraltro, nel momento di maggiore share) probabilmente farà discutere, ma di certo avrebbe causato maggiori polemiche se fosse stata di segno opposto. Insomma, non sempre the show must go on.

Durante la serata s’è, comunque, imposto il cantante bianco Virginio (o “Virgilio” per Mara Maionchi) attraverso perfomance pregiate. E quando scriviamo l’aggettivo pregiate non ci riferiamo (soprattutto per demeriti dell’attrice) al doppio duetto con Sabrina Ferilli in Arrivederci Roma e Che cosa c’è. Accoppiate vip anche per Annalisa, al fianco di Christian De Sica (la migliore esibizione vip della serata), e per Francesca con Beppe Fiorello in Meraviglioso (che per Maria De Filippi è “canzone dei Negramaro“).

In una serata televisiva dai toni forti non è mancata nemmeno la storia d’amore tribolata. La danzatrice Debora, dopo aver guardato in diretta l’rvm in cui il suo fidanzato Vito la parodiava, affiancato dalla rivale Giulia, s’è offesa con il suo amato.

Ecco il dialogo, nudo e crudo: l’innamorata Debora a Vito:

– Sei uno stronzo.

Lo sapevo che vi incazzavate (sic).

l’innamorato Vito a Debora.

Ma poi è giunto l’inevitabile (o forse evitabile) happy end con il maestoso Ti amo pronunciato dal ballerino, e la sua corsa verso di lei, per donarle un bacio di riappacificazione.

Prima del malore, inoltre, la ballerina Giulia ha provocato accesi sentimenti di gelosia nell’anima del suo maestro Garrison. Il coreografo texano, dopo aver udito il giubilo con cui Garofalo ha definito Giulia “una nuova star” e “una prima ballerina” con cui “vorrei lavorare in un programma televisivo“,accecato dalla gelosia ha bollato come “macelleria” la coreografia del collega. Il quale ha risposto:

Questo è solamente spettacolo.

Già domenica scorsa, in realtà, il fastidio provato da Garrison verso il coreografo romano si era palesato quando la contesa Giulia annunciò di sfidare Debora su una coreografia di Garofalo, anziché su una del suo professore-bambinone, come inizialmente dichiarato.

Per Francesca Nicolì, la maggiore indiziata per l’eliminazione (che, quindi, non si sa quando si consumerà – forse nella diretta del sabato o forse all’inizio del prossimo serale) serata tutta da dimenticare. Mancanza di intonazione, stecche, e molti “buu” guadagnati dal pubblico, tra un “vaffa” ed una lacrima.

E’ andata un po’ meglio a Zerbi. Senza Jurman – come ha fatto sagacemente notare Platinette“ha perso la lingua”. E quando succede, ci guadagna!

Leggerissimo calo rispetto a domenica scorsa (meno duecentomila telespettatori) del talent nei dati auditel: 4.192.000 telespettatori (share 19.5%) hanno seguito la diretta di ieri sera; ha dominato Rai1 con Fuoriclasse, che ha collezionato in media 5 milioni e mezzo di utenti circa.

P.S. Per Jurman che se ne va, Di Michele che torna. Quei due pur di non incontrarsi mai sono disposti a tutto.

COMMENTI