Sanremo 2011, i Testi: Roberto Vecchioni, “Chiamami ancora amore”

13/02/2011 di Valentina Gambino

Roberto Vecchioni è da sempre considerato un cantautore di nicchia. Dopo una lunghissima assenza di, pensate bene, 38 anni, quest’anno ha deciso di tornare nella città dei fiori per presentare il suo brano al Festival di Sanremo. Per quanto riguarda le esperienze sanremesi, Vecchioni ne ha comunque avute poco, solo tre (nel 1968 con Sera, nel 1973 con L’uomo che si gioca il cielo a dadi e quest’anno).

Il brano che porta a Sanremo si intitola Chiamami ancora amore, e lo stesso Vecchioni spiega il significato della canzone dichiarando:

“E’ una canzone trasversale. E’ un brano che parla delle cose che io amo, la gente che lavora, i giovani, i soldati che vanno a morire lontano da casa senza una vera ragione. Ci tengo a dire che non voglio che gli venga data alcuna coloritura politica”.

Durante la serata dedicata ai 150 dell’Unità di d’Italia Roberto Vecchioni canterà O surdato ‘nnamurato in quanto:

“Sono figlio di napoletani e sono un appassionato cultore della tradizione musicale partenopea, dalla villanella alla canzone popolaresca”.

A seguire, invece, il testo della canzone che presenterà a Sanremo.

Chiamami ancora amore

di (R. Vecchioni, C. Guidetti – R. Vecchioni)

E per la barca che è volata in cielo
che i bimbi ancora stavano a giocare
che gli avrei regalato il mare intero
pur di vedermeli arrivare;
per il poeta che non può cantare
per l’operaio che non ha più il suo lavoro
per chi ha vent’anni e se ne sta a morire
in un deserto come in un porcile
e per tutti i ragazzi e le ragazze
che difendono un libro, un libro vero
così belli a gridare nelle piazze
perché stanno uccidendo il pensiero;
per il bastardo che sta sempre al sole
per il vigliacco che nasconde il cuore
per la nostra memoria gettata al vento
da questi signori del dolore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Che questa maledetta notte
dovrà pur finire,
perché la riempiremo noi da qui
di musica e di parole;
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
In questo disperato sogno
tra il silenzio e il tuono
difendi questa umanità
anche restasse un solo uomo
Chiamami ancora amore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Perché le idee sono come farfalle
che non puoi togliergli le ali
perché le idee sono come le stelle
che non le spengono i temporali
perché le idee sono voci di madre
che credevano di avere perso,
e sono come il sorriso di Dio
in questo sputo di universo
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Che questa maledetta notte
dovrà pur finire,
perché la riempiremo noi da qui
di musica e parole;
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Continua a scrivere la vita
tra il silenzio e il tuono
difendi questa umanità
che è così vera in ogni uomo
Chiamami ancora amore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Che questa maledetta notte
dovrà pur finire,
perché la riempiremo noi da qui
di musica e parole;
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
In questo disperato sogno
tra il silenzio e il tuono
difendi questa umanità
anche restasse un solo uomo
Chiamami ancora amore
Chiamami ancora amore
Chiamami sempre amore
Perché noi siamo amore.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI