Guardia del corpo, le curiosità del film: l’aborto di Whitney Houston e l’idea di Kevin Costner

13/06/2020 di Valentina Gambino

Guardia del corpo, le curiosità del film

Stasera sulla rete ammiraglia di Casa Mediaset, sarebbe dovuta andare in onda la nuova puntata di Ciao Darwin. Ed invece, al suo posto, per non far scontrare Bonolis con la partita di calcio di Rai1 (cliccare per credere), l’ammiraglia di Casa Mediaset ha deciso di regalarci la visione di Guardia del corpo, film con l’indimenticabile Whitney Houston e Kevin Costner.

Guardia del corpo, le curiosità del film

La sceneggiatura e il soggetto di Guardia del corpo sono di Lawrence Kasdan, famoso per essere il co-sceneggiatore de I predatori dell’arca perduta, Il ritorno dello Jedi e soprattutto della trilogia di Star Wars prequel dei primi tre film.

Kasdan avrebbe voluto fare questo film già nel 1976 con Steve McQueen e Diana Ross. La pellicola nel 1992 ha incassato 411 milioni di dollari in tutto il mondo risultando tra le più viste dell’anno.

Esattamente come Steve McQueen, Costner basò la sua interpretazione proprio su di lui, da sempre considerato il suo attore preferito. Tra le richieste sul set, anche la possibilità di tagliarsi i capelli nella stessa maniera.

Il film ha dato vita a un musical nel 2012.

Pat Benatar, Olivia Newton-John, Madonna, Joan Jett, Deborah Harry, Janet Jackson, Terri Nunn, Kim Carnes e Dolly Parton sono state attrici prese in considerazione, prima di Whitney Houston, per il ruolo della talentuosa e tormentata Rachel Marron.

Nel corso delle riprese di Guardia del corpo, Whitney Houston, sfortunatamente, ebbe un aborto spontaneo che la fece restare immobile per un paio di settimane.

The Bodyguard: Original Soundtrack Album è la colonna sonora più venduta di tutti i tempi. E’ stata di Kevin Costner l’idea di iniziare a cappella la mitica “I Will Always Love You”.

A quanto pare, nel corso delle prime proiezioni test, gli spettatori disapprovarono la performance attoriale di Whitney Houston. I fischi ricevuti hanno costretto i produttori a rimontare parte del film per ovviare al problema.

Dopo avere ricevuto la bellezza di 67 “no”, Guardia del corpo ha trovato un produttore che credesse nel suo valore. Gli addetti ai lavori di Hollywood si stanno ancora mangiando i gomiti….  La pellicola, infatti, è il secondo più grande successo mondiale del 1992, dopo Aladdin, con 411 milioni di dollari incassati.

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI