Enrico Papi svela come sarà Scherzi a Parte e parla del “nuovo” Pomeriggio 5 di Barbara d’Urso

11/09/2021 di Valentina Gambino

Barbara d'Urso e Enrico Papi

Domani, domenica 12 settembre, sulla rete ammiraglia di Casa Mediaset riapre i battenti Scherzi a Parte. Al timone del programma troviamo Enrico Papi che torna – dopo anni di silenzio – a Cologno Monzese e parla pure dell’innovazione dell’azienda citando Pomeriggio 5. 

Enrico Papi svela come sarà Scherzi a Parte e parla del “nuovo” Pomeriggio 5 

In Scherzi a Parte lascio tutto quello che può essere l’aspetto storico, anche con dei riferimenti, ma ho inserito delle novità, aspetti che sono da me fortemente voluti, proprio per personalizzarlo. In studio ci sarà un clima goliardico e l’intera puntata sarà incentrata su uno scherzo in diretta ad un vip, con la complicità degli altri presenti in studio, i quali possono essere vittime e contemporaneamente carnefici. Era un’idea che avevo in mente da anni.  

Enrico Papi svela a FanPage come gestirà il suo show e parla anche di Pomeriggio 5, il format condotto da Barbara d’Urso. 

Alla domanda: 

Guardando programmi come il nuovo Pomeriggio Cinque, Mediaset sembra indirizzata a una nuova stagione più sobria, che si lascia alle spalle anni di trash. L’azienda ti ha dato segnali particolari in questo senso? 

La sua risposta è precisa e parla della volontà che avrebbe Mediaset di sperimentare: 

Nessuna indicazione specifica, in verità, però mi rendo conto di tornare in azienda in un momento che per me è molto buono, perché percepisco la voglia di sperimentare. Bisogna considerare, e questo lo dico sempre, che Mediaset è un’azienda dalle enormi potenzialità, una vera macchina da guerra. Spero di dare seguito ai loro successi.  

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Enrico Papi (@enricopapiofficial)

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI