Chi l’ha visto?: il giallo di Sarah Scazzi risolto in diretta Tv

07/10/2010 di Valentina Gambino

Il corpo di Sarah Scazzi è stato ritrovato all’1 e 45 di stanotte, dentro un pozzo dai carabinieri del Comando Provinciale di Taranto.
Con questa triste certezza finalmente si risolve (in maniera tragica) un giallo iniziato il 26 agosto scorso, giorno in cui Sarah, 15 anni, è scomparsa da Avetrana.
Ad ucciderla è stato lo zio, Michele Misseri, padre dell’inseparabile cugina Sabrina.
Il 29 settembre, l’uomo aveva ritrovato il cellulare della ragazza, poco distante dal luogo dell’omicidio. Ovviamente, le sue dichiarazioni facevano acqua da tutte le parti, anche se, intervistato si mostrava distrutto dal dolore e seriamente disperato.
Stanotte, durante un interrogatorio durato oltre dieci ore, il mostro è crollato confessando tutto.

Ovviamente, l’uomo dedicava alla ragazza attenzioni morbose e “malate”, proprio per questo, il 26 agosto, avvicinandola nuovamente per costringerla a non rivelare a nessuno le sue attenzioni, ha preferito strangolarla e gettarla ormai morta in un pozzo.

Sarah ci aveva provato a ribellarsi, aveva provato a parlare di tutto questo con la cugina Sabrina, ma ne è scaturita solo una violenta lite il giorno prima della scomparsa.

La madre di Sarah, Concetta Serrano Spagnolo, ieri sera partecipava in diretta TV al programma di Rai 3 Chi l’ha visto. La donna, insieme a due amici della figlia, si trovava proprio a casa dello zio assassino, assente insieme alla moglie in quanto trattenuto dai carabinieri. La donna, proprio in diretta ha appreso la tragica notizia.
Trasformare in uno show la tragica morte di una figlia, lo trovo assolutamente agghiacciante.

Iniziate le prime voci a mio parere, dovevano lasciare che la donna apprendesse la notizia in maniera più riservata. Ed invece no! In diretta TV, hanno comunicato ad una donna, visibilmente sotto shock, informazioni su informazioni. Tentativi di raggiungere telefonicamente chiunque per avere informazioni più certe, tutto in diretta!
Trovo questo episodio veramente raccapricciante e inverosimile, ma purtroppo, anche in questo caso, l’informazione italiana preferisce trasformare un evento tragico in uno show da record.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI