Amici 9: daytime del 24 febbraio. Si continua con la discussione intorno a Matteo, che oggi reagisce

24/02/2010 di Irma Pierbattista

Continua la discussione contro Matteo. Dopo gli attacchi che il cantante ha ricevuto ieri dalla sua stessa squadra, a parlare oggi sono i bianchi. Anche loro, come i blu, accusano Matteo di essere una persona palesemente falsa, che sa come guadagnarsi la simpatia del pubblico. Un buon giocatore, quindi, capace di fare tattiche per arrivare alla meta, quella meta che, non prendiamoci in giro, fa gola a tutti. Non siamo ipocriti, a chi non piacerebbe essere il vincitore del programma? C’è chi lo dà a vedere di più e chi sa nasconderlo meglio ma… il pensiero di ognuno di questi ragazzi, specialmente adesso che la finale è sempre più vicina, è solo ed esclusivamente per la vittoria!

La squadra blu ha modo di vedere la registrazione di ciò che viene detto nell’altra casetta e… apriti cielo! Matteo si scalda e si accendono gli animi.

Loro hanno paura del mio primo posto in classifica,

inveisce il cantante.

Allora perché quando è il momento della staffetta non fanno il mio nome? Chiamano sempre o Loredana o Enrico. Perché non me? Per paura, è ovvio!

La squadra bianca, avuta anch’essa la possibilità di vedere la vhs, non accetta queste parole e decide di evidenziare il cammino facile di Matteo dentro la scuola.

E’ entrato ad aprile prima di tutti,

comincia Stefano.

E’ sempre stato primo in classifica e per questo immune da ogni sfida,

aggiunge Emma.

Lui non ha mai fatto sacrifici per stare qua dentro e non ha mai lottato veramente per tenersi il banco. Di conseguenza è l’ultima persona che può permettersi di parlare di paura,

continua la cantante.
Insomma, anche oggi gran parte del daytime è stato incentrato sul caso Matteo il quale, però, a differenza di ieri non è stato in silenzio ad ascoltare ma ha anche lui “urlato” le sue idee difendendo con fermezza la sua posizione.

I ragazzi, però, dovrebbero stare attenti a non esagerare con le critiche. Si sa, spesso chi viene attaccato in questo modo riceve, poi, un grande appoggio dal pubblico e, se in questo caso, i ragazzi alzano il polverone con la speranza di smascherare “il nemico”, potrebbero ottenere l’effetto contrario. I precedenti (che sia ad “Amici” o in altri reality) non smentiscono!

COMMENTI