Ubaldo Lanzo dopo l’Isola: “colpito da Ignazio Moser”, retroscena sul rapporto con Massimiliano Rosolino

05/06/2021 di Emanuela Longo

Ubaldo Lanzo

Il cromatologo Ubaldo Lanzo si è raccontato a Casa Chi, il format web del magazine diretto da Alfonso Signorini, commentando la sua esperienza all’Isola dei Famosi. Per lui si è trattato di “una bella esperienza, bella avventura, e la rifarei volentieri”.

Ubaldo Lanzo commenta l’Isola 2021: da Rosolino a Ignazio

Stilista ed esperto di colori, Ubaldo Lanzo, incalzato da Azzurra Della Penna, ha spiegato qualcosa in più sulla sua “relazione” con Massimiliano Rosolino, inviato dell’Isola 2021: gli vuole bene o lo detesta?

Mi piace… con Rosolino tutto è nato quando io ero ritornato dall’altra Isola e mi hanno subito buttato a fare i giochi. Gli avversari erano partiti prima del tempo anche loro e sono partito anche io. Mi ha bloccato sulla rete e l’istinto di sopravvivenza e aiutare il gruppo pur di farli mangiare e son partito… Però c’è un gran rispetto, siamo come Sandro e Raimondo, gli voglio bene. Lui c’ha la testa sportiva… Ormai eravamo diventati che lui mi doveva controllare per insegnarmi ad essere più… ed io pure gli ho insegnato tante belle paroline, ma c’è sempre rispetto e mi manca veramente. Mi mancano soprattutto i cameraman e tutte le maestranze, tutte molto professionali. Non potevano parlare ma con gli occhi, se stavi male o stavi giù ti aiutavano.

Ma chi, a suo dire, vincerà questa Isola dei Famosi?

Jennifer Lopez – ha scherzato -, adesso è difficile dire un nome perché tutti i pronostici fatti sono stati sballati. Chi vorrei? Ignazio, anche se è venuto dopo, anche Valentina meriterebbe, ma per il gesto che ha fatto Ignazio (tagliandosi capelli e barba per far mangiare il gruppo, ndr), chapeau! Tifo anche per Valentina, anche con Andrea abbiamo vissuto dei bei momenti. Sono stati momenti belli con tutti.

Infine ha spiegato cosa lo ha colpito di Ignazio Moser:

A lui ho dato un rosso scuro, quindi è un rosso profondo. Lui è proprio uno dei cavalieri dell’Isola. La schiettezza istantanea. Nella tranquillità più assoluta ha detto che voleva dormire vicino a me, ci siamo subito capiti, è una persona leale, poi gli schemi dell’Isola li sappiamo noi che li viviamo quotidianamente. Si è dato subito da fare per il gruppo, è entrato velocemente nello spirito dell’Isola, è stato al gioco della Lodo, è stato sempre presente e lo è tutt’ora. È normale che iniziano i primi screzi ma nella “guerra” dell’Isola lui rimane sempre un cavaliere.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI