Tanya Fear di Doctor Who e Spotless è scomparsa: indagini in corso, manager preoccupato

13/09/2021 di Emanuela Longo

Tanya Fear

L’attrice 31enne Tanya Fear, nota per aver preso parte nella serie Doctor Who, risulta scomparsa da quattro giorni. Dallo scorso 9 settembre, infatti, avrebbe fatto perdete le tracce. La notizia trova ora conferma dal suo portavoce e manager mentre da diverse ore sui social campeggia l’hashtag #FindTanyaFear che raduna i fan di tutto il mondo.

Tanya Fear, scomparsa l’attrice di Doctor Who

Che fine ha fatto l’attrice britannica Tanya Fear? Al momento della scomparsa la 31enne si trovava a Los Angeles. Il suo manager Alex Cole è intervento alla ABC News asserendo di averla vista la scorsa settimana e che “stava bene”.

Dopo la notizia della sua sparizione, ovviamente, la preoccupazione è tanta al punto da dichiarare:

Siamo ovviamente preoccupati e speriamo di scoprire che è un semplice errore e di trovarla presto.

Dopo 48 ore dalla scomparsa, le indagini avrebbero iniziato a prendere in considerazione anche le ipotesi più funeste. L’account ufficiale per le ricerche ha reso noto un comunicato:

La famiglia di Tanya Fear ha chiesto al dipartimento di polizia di Los Angeles di indagare sulla scomparsa dell’attrice britannica. Tanya Fear ha lasciato il suo appartamento di Hollywood Bowl giovedì 9 settembre senza cellulare e borsa. È stata denunciata come scomparsa da un amico. La famiglia di Tanya ha contattato il Ministro degli Esteri del Regno Unito, dopodiché un agente di polizia locale del dipartimento di Los Angeles ha fatto visita a casa di Tanya, ma l’attrice non era in casa. L’ultima volta è stata vista da alcuni amici il 9 settembre, alle ore 22, a Los Angeles.

L’attrice è celebre soprattutto per aver preso parte, nel 2018, alla serie tv britannica di fantascienza Doctor Who, prodotta dalla BBC. Di recente è apparsa nella serie Spotless di Netflix e nel film Kick-Ass 2.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI