Perchè le scarpe Lidl sono andate a ruba in Italia? Le “alternative” degli amici di Twitter

17/11/2020 di Emanuela Longo

Scarpe Lidl

Anche in Italia sono arrivate le scarpe e le ciabatte Lidl, in vendita da lunedì 16 novembre ma già sold out ovunque. La collezione “Lidl Fan Collection” è andata letteralmente a ruba diventando un vero e proprio fenomeno, per alcuni dei tutto inspiegabile. In poche ore le emblematiche calzature sono diventate introvabili, ma perchè? Intanto gli amici di Twitter ironizzano e presentando le loro esilaranti alternative (spoiler: anche queste introvabili).

Scarpe Lidl andate a ruba: mistero e fascino

In Italia sono andate letteralmente a ruba, da Nord al Sud. Si tratta delle scarpe di Lidl, annunciate inizialmente sui social e da tanti utenti scambiate come una notizia fake. In realtà, seppur per poche ore, sono realmente state messe in vendita, prima di diventare subito sold out.

Il medesimo successo era già stato registrato nei supermercati all’estero della medesima catena dove era stata lanciata la collezione in primavera. Il successo resta tuttavia inspiegabile.

Cosa possa aver spinto a fare incetta di calzature dai riconoscibili colori (azzurro, giallo e rosso)? Intanto il prezzo che per le scarpe è pari a 12,99 euro. Lidl, come spiega SkyTg24, ha scelto di disegnarsi da sola la sua linea per poi proporla come una ottima strategia di marketing che ha compreso l’invio del prodotto agli influencer.

Non solo scarpe: ad andare a ruba anche i calzini in spugna con il logo di Lidl a 2,99 euro e le t-shirt a 4,99 euro. Intanto c’è già chi ha rimesso in vendita le calzature su varie piattaforme come Ebay a prezzi folli anche fino a 1500 euro.

 

Mentre cerchiamo di comprendere i motivi che hanno spinto gli italiani ad andare a caccia delle scarpe Lidl peggio del lievito durante il primo lockdown, vi proponiamo le alternative avanzate dagli amici di Twitter.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI