L’Arena, Massimo Giletti: “gli italiani non vogliono una tv di grandi fratelli”. La D’Urso? “Mi piace fisicamente”

29/10/2010 di Laura Errico

Massimo Giletti ottiene sempre dei buoni ascolti con il suo programma, ossia Domenica In…  L’arena, che viene trasmesso su RaiUno prima di Domenica In… Amori, condotto da Sonia Grey, e di Domenica In… Onda, presentato da Lorella Cuccarini.

Infatti la sua trasmissione batte costantemente, come vi abbiamo parlato in un articolo precedenteDomenica Cinque di Barbara D’Urso. Nonostante si scontri con la conduttrice di Canale 5, Massimo Giletti esprime, sulle pagine del settimanale Diva e Donna, degli apprezzamenti sulla sua avversaria.

Io ho grande rispetto per lei e non la vedo come nemica. Mi è simpatica e mi piace anche fisicamente.

Nell’ambito dell’intervista parla poi del suo lavoro, dicendo:

In questi ultimi anni sono maturato: cerco di fare il mio lavoro senza pensare agli altri o fare polemiche. Se ancora sono qui, vuol dire che ho fatto qualcosa di buono.

Il conduttore non sembra amare molto i reality e la tv d’intrattnimento. Infatti dice:

E’ una fesseria dire che gli italiani vogliono solo un certo tipo di tv, fatta di “grandi fratelli”, che dallo zero assoluto diventano famosi. L’Arena va in onda in una giornata delicata e spesso non riesco ad affrontare tutti i temi che vorrei,

per poi aggiungere:

Ma so quello che non voglio, cioè accentuare la morbosità. Non voglio più, per esempio, una tv italiana come quella del dopo Marrazzo.

Non vuole accentuare la morbosità? Ma non ha trattato più di una volta il caso di Sarah Scazzi, intorno al quale si è creata una colossale attenzione mediatica?

Spazio viene dato anche alla sua vita privata e soprattutto sentimentale. Massimo Giletti si definisce:

Uno spirito libero. Amo la mia libertà sopra ogni cosa. Così vivo molto le passioni, ma ho difficoltà a vivere gli amori con continuità. Amore per me è una parola alta, non il flirt di una notte e quando perdo l’emozione, la passione, preferisco lasciarlo andare.

COMMENTI