Signorini e la frase sull’aborto: Endemol prende le distanze dalla sua posizione, il comunicato

16/11/2021 di Emanuela Longo

Signorini, Endemol si dissocia

Bufera sulla frase di Alfonso Signorini in merito all’aborto, pronunciata in diretta tv ieri al Grande Fratello Vip. Le polemiche erano inevitabili e sui social è successo davvero di tutto. A trovarsi costretta ad intervenire, anche Endemol Shine Italy che ha preso le distanze dalle parole di Signorini.

Signorini e la frase sull’aborto: Endemol si dissocia

Alfonso Signorini ieri sera si è espresso in maniera pubblica su un tema delicato come quello dell’aborto dicendosi contrario “in ogni sua forma” ma soprattutto usando un non precisato “noi”.

Ovviamente le sue parole hanno alzato un polverone senza fine rispetto al quale anche Endemol Shine Italy è intervenuta con un comunicato ufficiale nella quale si legge:

Nella puntata di ieri di Grande Fratello Vip, Alfonso Signorini ha espresso la propria opinione su un tema importante e sensibile come quello dell’aborto, che è un diritto di ogni donna sancito dal nostro ordinamento. Pur rispettando le opinioni di ognuno, come Endemol Shine Italy esprimiamo la nostra distanza dalla sua personale posizione.

In tutte le comunità e in tutti i gruppi di lavoro le opinioni possono essere diverse, e Grande Fratello si distingue da sempre per essere attento a tutte le evoluzioni della società e al rispetto dei diritti civili.

Una presa di posizione importante ed inevitabile, dopo la bufera che ne è seguita. Di contro, il conduttore ha preferito scegliere il silenzio totale, chiudendo ogni possibilità di commento su Instagram dove ha disattivato la possibilità di commentare i post. Su Twitter, invece, il suo account è privato ma, ad onore del vero, lo è già da prima della polemica scaturita dalle sue parole delle passate ore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lodo Guenzi (@influguenzer)

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI