Myriam Catania piange perché le manca il figlio: “Non ce la fa”, primo momento di sconforto nella Casa del Grande Fratello Vip

19/09/2020 di Valentina Gambino

Grande Fratello Vip, Myriam Catania

Primi momenti di sconforto nella Casa del Grande Fratello Vip. Dopo essere entrata, Myriam Catania ha ceduto ad un momento di sconforto, trovandosi da sola in giardino, avvolta da una coperta con una sigaretta e le lacrime che solcano il suo viso.

Myriam Catania piange, primo momento di sconforto nella Casa del GF Vip

Myriam avrà accumulato della tensione cedendo, quindi, allo sconforto dopo il suo ingresso. I nuovi arrivati sono rimasti in piedi fino all’alba a parlare. E, proprio la nipote di Simona Izzo, dopo essersi intrattenuta con Massimiliano Morra è scoppiata a piangere.

Poi ha spiegato a Matilde il motivo delle sue lacrime: le manca il figlio di tre anni rimasto fuori con il padre. Proprio la Brandi, ha concluso: “Non ce la fa”. Myriam, però, ha spiegato di avere ceduto allo sconforto solamente per eccessiva emotività.

Questa mattina lo sconforto ha lasciato spazio alla voglia di fare. Per questo motivo, insieme a Stefania Orlando, Myriam si è immediatamente messa ai fornelli per cucinare un pasto succulento ai suoi compagni d’avventura.

Con l’aiuto di Stefania, il sugo di zucchine prende forma per il pranzo. Il lavoro di Myriam Catania è stato poi interrotto dal Grande Fratello che ha voluto chiamarla in Confessionale. Poco dopo l’attrice è uscita con la lista della spesa da compilare.

Tutti i Vip si sono radunati attorno al tavolo della cucina iniziando la compilazione con Myriam Catania che dirige i lavori. Ma le richieste sono troppe, così in aiuto dell’attrice interviene Matilde Brandi, già avvezza a questo genere di cose e con autorità prende in mano la situazione.

La lista è pronta e Myriam può tornare ai fornelli.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI