“Mio figlio Gabriele è single!”, parla Maria De Filippi: “Ha preso una bella batosta”

16/07/2021 di Valentina Gambino

“Mio figlio Gabriele è single!”, parla Maria De Filippi

Maria De Filippi intervistata tra le pagine dell’ultimo numero di Chi Magazine, ha confessato alcuni retroscena del suo lungo lockdown e ha fatto delle rivelazioni in merito al suo adorato figlio Gabriele e a suo marito Maurizio Costanzo.

“Mio figlio Gabriele è single!”, parla Maria De Filippi

Maria De Filippi ha parlato di quelle che sarebbero state per lei alcune difficoltà legate al lockdown e a seguire ha confessato che anche per suo figlio, Gabriele Costanzo, il periodo della quarantena obbligatoria per l’emergenza Coronavirus non sarebbe stato semplice:

È tornato single. Come per molti ragazzi, il lockdown è stato fatale. La convivenza forzata ha fatto saltare tanti equilibri. Temevo tornasse a vivere da noi. Il fatto che sia rimasto a vivere da solo denota maturità. Ha preso una bella batosta, ma ora lo vedo bene. Ha solo un difetto: è un po’ tirchio.

Maria De Filippi ha rivelato cosa pensa del nuovo incarico lavorativo affidato a suo marito Maurizio Costanzo, che è diventato responsabile delle strategie della comunicazione della Roma:

Quando me lo ha annunciato mi è preso un colpo, perché io, quando si tratta di lui, vado subito in modalità protettiva. Già vedevo scenari complicati, pressioni o stress inutili. Invece sono arrivata a invidiarlo. 

Maurizio ha una curiosità pazzesca per tutto, in questo è profondamente diverso da me. Si diverte come un matto: ha scoperto gli speaker delle radio romaniste, gli si è aperto un mondo. La sera torna a casa felice come un ragazzino e parla ore con Gabriele con una passione incredibile. Io sto muta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Elisabetta Soldati (@bettysold)

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI