Le Iene: chat per tradimenti; le conoscenze dei politici sull’Unità d’Italia

17/03/2011 di Laura Errico

Ieri sera è andata in onda su Italia 1 una nuova puntata de Le Iene Show, con la consueta conduzione di Ilary Blasi, Paolo Kessisoglu e Luca Bizzarri.

Maresi ha parlato delle chat per i tradimenti, ossia di chat create appositamente per persone sposate o impegnate in una relazione stabile che vogliono cercare un amante. La iena si iscrive ad una di queste chat e così si mette in contatto con alcune delle donne iscritte, che poi le incontra. La prima è, a detta dell’inviato (ovviamente il suo volto è oscurato per motivi di privacy), una bellissima donna dell’Est Europa, sposata e con figli. La donna spiega che si è iscritta al sito perchè è un po’ annoiata dalla routine, dato che il suo matrimonio dura da dieci anni. Sebbene sia una bella donna, non riesce a trovare amanti, per mancanza di tempo e, poichè, anche se incontra persone, non sa come spiegare loro cosa cerca, dato che, a suo dire, gli uomini che conosce “vogliono una relazione tra virgolette seria”.

La seconda donna che incontra l’inviato è anch’ella sposata e con una figlia. La donna spiega che si è iscritta al sito, poichè il marito è da mesi che preferisce guardare la televisione e non avere rapporti sessuali. Per questo motivo lei prima si è trovata un amante, ma poi l’amante non se l’è sentita più di fare il terzo incomodo e lei è ricorsa alla chat. La donna racconta anche di aver incontrato due uomini conosciuti in chat, ma di non aver fatto nulla con loro, perchè il primo, preso dall’emozione, non è riuscito a portare avanti il rapporto, mentre il secondo aveva messo sul sito delle foto false e dal vivo era brutto.

La terza donna che Maresi incontra dice di voler una relazione extraconiugale poichè il compagno la tratta come una donna-oggetto, mentre per la quarta donna il tradimento è una sorta di terapia, poichè tramite degli amanti è riuscita a stare meglio e questa cosa gliel’ha detta anche il marito, che però è ignaro della sua “terapia”.

Il 17 marzo di quest’anno si festeggiano i 150 anni dell’Unità d’Italia. Per questo Sabrina Nobile è andata a fare qualche domanda di storia ai nostri politici, per vedere se avevano le minime conoscenze sulla storia dell’Unità del nostro Paese. E’ emerso che coloro che ci governano non sanno nemmeno perchè è stata scelta come data proprio il 17 marzo per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia, come mai Garibaldi è chiamato l’ “eroe dei due mondi”, chi è stato il primo re d’Italia e quando Roma è diventata Capitale. Il politico più divertente è stato Daniele Marantelli, il quale, non conoscendo la risposta alla domanda di Sabrina Nobile, ha finto di aver visto qualcosa e, chiedendo scusa, si è allontanato non rispondendo al quesito.

COMMENTI