La casa nella prateria: svelati i retroscena della serie tv cult negli anni ’70 e ’80

28/06/2010 di Emanuela Longo

Come non ricordare la celebre serie tv che tra gli anni ’70 e gli anni ’80 ha tenuto compagnia ad un’intera generazione con le vicende della famiglia Ingalls? Stiamo parlando de La casa nella prateria, serial ambientato, per l’appunto, in una prateria americana e che ha appassionato grandi e piccini con la vita degli Ingalls, membri di una unitissima famiglia di campagna, la cui esistenza si basava sui principi dell’amore e del rispetto. Una famiglia d’altri tempi, insomma, che ha raccolto un successo a livello mondiale per nove lunghe stagioni, fino al 1983.

A giudicare dall’atmosfera bucolica ed amorevole che si respirava tra i protagonisti della serie, a distanza di quasi trent’anni, ecco però che giunge una testimonianza alquanto sconcertante, da parte di una protagoniste principali del telefilm, Alison Arngrim che indossava i panni di Nellie Oleson.
L’attrice, ha deciso di rivelare alcuni retroscena impensabili, legati proprio al tipo di rapporto esistente tra le piccole protagoniste de La casa nella prateria, e lo ha fatto in un libro intitolato Confession of a prairie bitch (che tradotto suonerebbe più o meno così “Confessioni di una poco di buono della prateria”). Nel testo, si legge del rapporto non di certo idilliaco tra le piccole protagoniste, apparentemente legatissime, ed in particolare tra Melissa Gilbert (nella serie tv, Laura) e Melissa Sue Anderson (Mary), pare ci fosse una grande competizione.

Anche i genitori della serie, Charles Philip Ingalls (Michael Landon) e Caroline Ingalls (Karen Grassle), fuori dal set pare non avessero un rapporto fondato propriamente sull’amore ed il rispetto.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI