Franco Lauro è morto: giornalista sportivo Rai stroncato da infarto, il dolore di Paola Ferrari

14/04/2020 di Emanuela Longo

Franco Lauro

Franco Lauro, giornalista sportivo nonché volto noto Rai è morto all’età di 58 anni a causa di un malore. Il suo corpo senza vita è stato trovato nel pomeriggio di oggi nella sua abitazione a Roma. Secondo quanto riferisce il quotidiano Il Messaggero nell’abitazione sono giunti i soccorritori e una pattuglia delle forze dell’ordine ma non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Secondo le prime indiscrezioni, alla base della morte di Lauro ci sarebbe un infarto fatale.

Franco Lauro è morto: aveva 58 anni

Appassionato di calcio e basket nonché grande conoscitore del calciomercato, il giornalista Franco Lauro avrebbe compiuto il prossimo ottobre 59 anni. Il suo ingresso in Rai era avvenuto nel 1984: in 28 anni aveva commentato 8 Olimpiadi estive e una invernate – Torino 2006 – ma anche 6 edizione dei Mondiali di calcio e altrettante edizioni degli Europei, 12 Europei e 3 Mondiali di basket, i Goodwill Games del 1990 a Seattle, varie edizioni dei Giochi del Mediterraneo e Universiadi.

Tra le varie conduzioni televisive, ricordiamo La Domenica Sportiva, Domenica Sprint e 90° minuto e Dribbling Mondiali.

Grande il dolore di alcuni colleghi dopo la notizia della sua morte. Tra i tanti messaggi quello di Paola Ferrari che su Twitter ha manifestato la sua enorme incredulità:

“Ho appena avuto una notizia tremenda. Un amico con cui abbiamo diviso così tante avventure. Non posso crederci. Le parole non le trovo. Proprio non le trovo in questo momento”.

Anche Massimo Caputi ha scritto su Twitter il suo messaggio di cordoglio:

“Ho appena saputo della scomparsa di Franco #Lauro sono senza parole. Esperto ed appassionato di basket, era un volto amico ed educato che entrava nelle nostre case. A lui mi legano tanti ricordi, uno su tutti: l’inizio insieme in radio nel 1985. Ciao caro Franco Rip”.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI