Fiorello e l’intervista con Selvaggia Lucarelli, retroscena sulla lite con Tiziano Ferro

08/02/2020 di Valentina Gambino

Perché Fiorello e Tiziano Ferro hanno litigato?

Del litigio tra Tiziano Ferro e Fiorello vi abbiamo ampiamente parlato in numerosi articoli (qui un riassunto di tutte le dinamiche). Oggi, durante l’ultima conferenza stampa di Sanremo 2020 in attesa della finale di stasera, il comico siciliano si è scusato: “Vi volevo chiedere scusa per ieri”. Poi ha raccontato un retroscena sull’intervista pubblicata da Selvaggia Lucarelli.

Sanremo 2020: Fiorello e l’intervista a Selvaggia Lucarelli su Tiziano Ferro, la verità

A quanto pare Fiorello non sapeva si trattasse di una intervista. Lui infatti, stava parlando per telefono con la giornalista che ha successivamente pubblicato tutto online. Ecco le sue parole:

Non era un’intervista ma una telefonata, ingenua… Io non sono il Dalai lama, ma quello che avevo letto mi aveva dato molto fastidio ed ho chiamato una giornalista dopo tanti anni.

Poco dopo trovo tutto pubblicato: se fossi giornalista chiederei se posso pubblicare quello che sento.

Fiorello durante la conferenza stampa di Sanremo 2020 ha poi precisato:

Poteva essere Tiziano, poteva essere Amadeus, poteva essere chiunque. Dici una cosa e da quella cosa lì scaturiscono cose più pesanti. Lui pensava davvero di fare una battuta e invece si è ritrovato con questa roba qua, abbiamo chiarito. Ci siamo scambiati messaggi ieri e oggi.

Stefano Coletta dalla parte di Fiorello

Anche il direttore di Rai1 ha espresso la sua solidarietà nei confronti del comico siciliano:

Non ho mai trovato prolissità negli interventi di Fiorello, lo avrei ascoltato fino alle 5 di mattina.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Morgan e Bugo squalificati da Sanremo 2020 💥

Un post condiviso da Blogtivvu.com – Gossip e TV (@blogtivvu_com) in data:

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI