A Che tempo che fa, Fabio Fazio ospita Nichi Vendola, Enaiatollah Akbari, Max Gazzè, Giovanna Zucconi

26/04/2010 di Simona Cocola

Nella giornata della Liberazione dell’Italia dal Nazifascismo, 25 aprile 1945, a 65 anni di distanza, una storia speciale di libertà è quella di Enaiatollah Akbari, un giovane rifugiato politico afgano che vive da 5 anni a Torino. Enaiatollah, chiamato Giorgio nel nostro paese, ha impiegato circa 10 anni a giungere in Italia, grazie al gesto d’amore di una madre, la sua, che lo ha portato via dall’Afganistan e da un futuro di morte con i Talebani, ma lo ha poi lasciato per ritornarvi.
Attraversando da solo Pakistan Iran, Turchia e Grecia, la sua storia è raccontata nel libro di Fabio Geda Nel mare ci sono i coccodrilli – Storia vera di Enaiatollah Akbari e rappresenta una vicenda di liberazione. Enaiatollah bambino lavora per sopravvivere:

Ho avuto sempre paura, ma ero obbligato, per cercare una vita migliore,

spiega, ed alla fine riesce a trovare la libertà in Italia.

Commosso dal racconto del giovane afgano, Nichi Vendola, rieletto lo scorso marzo presidente della Regione Puglia, accenna al 25 aprile dicendo di:

Non dimenticare cosa è stato il tributo del popolo italiano alla liberazione,

con tanti giovani che hanno dato la vita per salvare la patria. Oltre a fare politica, Vendola è anche tra i fondatori dell’ Arcigay nazionale e della Lila – Lega italiana per la lotta contro l’Aids.

Tra gli ospiti di questa puntata, il cantante Max Gazzè presenta Mentre dormi, singolo di lancio della prossima raccolta di inediti, Quindi?, in uscita il prossimo 4 maggio. Questa canzone chiude il lungometraggio Basilicata coast to coast dell’attore Rocco Papaleo, in cui lo stesso Gazzè recita insieme con Giovanna Mezzogiorno ed Alessandro Gassman. Il film è una specie di road movie, dove protagonista è un gruppo di musicisti che intraprende un viaggio.

Oltre alla rubrica Bookstory, incentrata su libri e letteratura, a cura di Giovanna Zucconi, la domenica di Che tempo che fa è allietata, come sempre, dalla simpatia made in Italy di Luciana Littizzetto.

COMMENTI