Domenica Live, Manuela Villa in lacrime per la tomba del padre: “La famiglia non sta facendo nulla!”

05/03/2018 di Valentina Gambino

Per anni Manuela Villa ha combattuto per essere riconosciuta come figlia naturale di Claudio Villa. Dopo la notizia che la tomba del Reuccio della canzone si trova in condizioni di degrado, Barbara d’Urso l’ha ospitata nel corso di Domenica Live andata in onda ieri. La Villa ha lanciato un’accusa nei confronti di Patrizia Baldi, moglie del cantante: “Manco ci vedono come sangue loro, la verità è che non gliene frega niente di mio padre”. Visibilmente scossa, è poi scoppiata in lacrime.

Domenica Live, Manuela Villa piange per la tomba del padre

In studio Manuela Villa ha ammesso che lei più volte ha cercato di sistemare la tomba a Rocca di Papa con le sue mani: “Io ci sono andata il 7 febbraio e non era in quelle condizioni. Anni fa mi sono interessata con il Comune per capire se potevo far qualcosa. I fan mi avevano chiamato proprio perché Patrizia non sta facendo nulla, ma mi hanno detto che è la famiglia a doversene occupare. Non accusate me, ho anche mandato degli assegni a un fioraio del posto perché curasse la tomba”.

“Cosa devo fare di più? – continua la Villa – Io abito lontanissima, ci andassero anche loro che abitano lì vicino. Io sto ancora pagando la causa di riconoscimento. Prima non ero la figlia, ora devo fare la figlia a tutti gli effetti? Io ho dato la vita a mio padre. Non guardate a me, guardate a chi abita lì sotto e non ci va”.

Manuela Villa, in lacrime a Domenica Live

Manuela Villa ha quindi attaccato nuovamente la moglie del padre, Patrizia Baldi e i suoi fratellastri: “La vedova è vedova solo davanti ai giornali. Io sono una persona pacifica, vengo qui e mi altero, mi svuoto. Non voglio più parlare di queste cose”, ha concluso visibilmente scossa.

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI