“La tiene d’oro?”, frase tormentone a C’è posta per te: Alessia Quarto svela perché l’ha detta

10/01/2022 di Valentina Gambino

C'è posta per te

Alessia Quarto è stata una delle protagoniste indiscusse della prima puntata stagionale di C’è posta per te andata in onda lo scorso sabato sera su Canale 5 con Maria De Filippi.

“La tiene d’oro?”, tormentone di C’è posta per te: Alessia Quarto svela perché

La ragazza napoletana, dopo la puntata, ha ripreso in mano il suo profilo di Instagram che l’ha trasformata in breve tempo in una perfetta web star.

E così, tra le ultime indiscrezioni, ha svelato per quale motivo ha detto “la tiene d’oro”, in riferimento all’amante dell’ex marito (che si è rivelata essere la cugina):

Mia nonna è stata l’artefice del mio modo di parlare. – spiega ai microfoni de La Radiazza – Nasco da una famiglia dove le tradizioni napoletane sono sempre state valorizzate al massimo, sono originaria del centro storico.

Alessia conferma anche di non essere tornata con il marito:

Non sono tornata con lui, la mia scelta l’ho fatta e quella rimarrà. Adesso sto meglio, in confronto ad agosto sto una favola, ma è comunque un percorso lungo, un dolore che va affrontato. Il problema non è sempre il tradimento, ma la delusione e tutto ciò che comporta, ma si può sempre rinascere, anzi si deve rinascere.

L’ex marito ha provato a contattarla dopo C’è posta per te:

Giovanni ha sempre provato a contattarmi da allora, voleva parlarmi. Io però ho scelto di chiudermi, non ho altro da dirgli. L’ultima volta che ci siamo visti gli ho detto ‘Questa bellissima faccia non la rivedrai più”. Non è per cattiveria o presunzione, ma solo per evitare altre sofferenza. Voglio proteggere me stessa, ma anche rispettare gli anni che abbiamo vissuto insieme. In tutti questi mesi l’unica frase che mi passava per la mente è stata ‘meglij sta mal’ ca mmurì’.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI