“Lui vorrebbe il mio fallimento”, nuovo sfogo di Guenda Goria sul padre Amedeo

29/10/2020 di Emanuela Longo

Guenda Goria

Nuovo sfogo di Guenda Goria nei confronti del padre Amedeo. È arrivato oggi, nell’ultimo daytime del GF Vip. La giovane ha sentito il grande peso delle parole del giornalista che in una intervista ha definito la pianista “bipolare”. Ovviamente, come spiegato dallo stesso Goria a Pomeriggio 5, si è trattato di un fraintendimento, non riferendosi alla malattia in sé ma alle varie spilogature caratteriali della figlia.

Guenda Goria, nuovo sfogo sul padre

Molto probabilmente nella nuova puntata di domani sera del GF Vip sarà dedicato ampio spazio a Guenda Goria ed al rapporto con il padre che proprio a Pomeriggio 5 ha manifestato il desiderio di scrivere una lettera alla figlia. Le sarà consegnata proprio domani?

El corso del daytime odierno, Guenda è tornata a sfogarsi in confessionale e poi anche con la sua compagna di avventura Rosalinda/Adua. Secondo Guenda le dichiarazioni del padre avrebbero avuto un effetto provocatorio. In tal caso, ha spiegato, avrebbe preferito che lui, da bravo giornalista, avesse dosato meglio le parole. Poi però ha aggiunto:

Lui non è tanto un papà, è un compagno di giochi, è un amico. C’è qualcosa di me che dà fastidio a mio padre. Mi vuole bene ma a volte mi boicotta. Vorrei capire cosa gli dà fastidio. Sento che non mi apprezza fino in fondo. Lui vorrebbe dimostrarmi che non ce la faccio senza di lui. Lui vorrebbe il mio fallimento.

Parole molto dure, quelle usate da Guenda che le ha poi motivate aggiungendo:

Non mi appoggia perché il mio successo può essere un suo fallimento.

Lo sfogo del padre Amedeo Goria dipende in qualche modo dalla mamma Maria Teresa Ruta? Guenda potrebbe essere diventata indirettamente una sorta di filtro tra i due genitori divenendo così, suo malgrado, il bersaglio dei malumori del padre non diretti in realtà a lei.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI