Denunciato per pubblicità ingannevole lo spot del Pinguino Pino con la voce di Elio e le storie tese

01/03/2013 di Emanuela Longo

Avete presente lo spot pubblicitario della celebre compagnia di telefonia mobile, Vodafone, che vede protagonista il simpatico Pinguino Pino, la cui voce è stata affidata al leader del gruppo Elio e le storie tese? Di lui ne avevamo già parlato in pieno regime sanremese, sottolineando o meglio interrogandoci su un aspetto che, a quanto pare, era passato in secondo piano. In quell’occasione, infatti, ci eravamo chiesti se poteva ritenersi del tutto regolare la messa in onda dello spot in questione con la voce degli Elii, proprio in quei giorni in gara sul palco dell’Ariston di Sanremo (rimandiamo a questo articolo per l’approfondimento).

In questa sede, torniamo a parlare sempre del Pinguino Pino, ma in merito ad un’altra questione, molto più scottante della precedente, tanto da far scendere in campo anche l’UNC, Nazionale Consumatori. A quanto pare, infatti, lo spot sarebbe stato denunciato all’Autorità Garante della Concorrenza per pubblicità ingannevole. Ad intervenire in merito, spiegandone i motivi, è stato Massimiliano Dona Segretario generale dell’Unc che in un video ne ha spiegato le motivazioni, che riportiamo a seguire.

“Pino, il pinguino canterino, sarà anche un ‘tipo sociale’, come dice nel simpatico spot, ma di sicuro non ‘illimitatamente’”, ha spiegato Dona. “L’avverbio ‘illimitatamente’ che ricorre nello spot farebbe pensare di poter mandare tutti i messaggi che si desidera e usufruire di un traffico Internet infinito pagando un canone fisso di poco più di 10 euro: in realtà l’offerta prevede un volume complessivo di dati pari ad 1 GB al mese e, come si legge sul sito Vodafone, al raggiungimento della soglia mensile sino al successivo rinnovo dell’offerta ‘la velocità di navigazione si riduce a 32 Kbps senza costi aggiuntivi’”.

Dona ha quindi aggiunto: “In sostanza, la velocità si abbassa a livelli tali da rendere impossibile la navigazione, tanto che i consumatori, saranno costretti ad attivare un servizio aggiuntivo con un ulteriore esborso di denaro”.

“Le cose da non credere non finiscono qui – ha concluso l’avvocato Dona – nella pubblicità, infatti, non si fa alcun riferimento al traffico voce, ma sul sito dell’operatore, scopriamo che con ‘Vodafone unlimited’ si attiva automaticamente ‘Open 200 Voce’ che prevede 200 minuti al giorno verso tutti al prezzo di 1 euro al giorno, con il risultato di far lievitare in modo significativo il costo dell’offerta”.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI