Vittorio Sgarbi: “Ho un tumore ai testicoli ed ho avuto il Covid senza saperlo…”

21/03/2021 di Valentina Gambino

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi intervistato ai microfoni de La Zanzara, ha raccontato due dolorosi accadimenti della sua vita legati alla sua salute: Covid e tumore (e con il secondo sta lottando proprio in questo momento).

Vittorio Sgarbi: “Ho un tumore ed ho avuto il Covid…”

Basta retorica sui medici. Il medico deve stare in ospedale, cura i malati che ci sono. Se poi trascura i malati di cancro è già un medico che mi sta sul cazz*. Non c’è solo il Covid al mondo. Io ho avuto il Covid e ne sono uscito, e ho un cancro alle pall* e non ne sono ancora uscito.

In questa maniera particolarmente asciutta e sincera, Vittorio Sgarbi ha svelato di avere avuto il Covid e di avere il cancro ai testicoli. Il celebre critico d’arte ha poi continuato:

Certo che li ringraziamo i medici, ma per tutte le malattie. Il mio medico, Mario Pepe, mi ha fatto delle analisi e mi ha detto che ho gli anticorpi, e che probabilmente ho avuto il coronavirus a dicembre. Dunque ho gli anticorpi, non devo fare il vaccino per sei mesi e sono perfettamente a posto. Sono stato asintomatico senza saperlo.

Ho fatto delle analisi per la prostata. Ho un problema, cerchiamo di resistere. C’è un ingrossamento, c’è qualcosa che stanno analizzando. Non ho avuto metastasi di nessun tipo e la cosa è circoscritta. Cerchiamo di salvare l’erezione, sono abbastanza seguito.

Per ora l’attività urinaria e di erezione è regolare. L’unica cosa che ho da qualche anno è che cag* sette, otto volte al giorno. E non ho mai trovato il modo di mitigare questa cosa, il che va bene perché ti liberi dalla merd*. Ma è l’unica condizione di limitazione alla mia libertà assoluta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da VITTORIO SGARBI (@vittoriosgarbi)

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI