Uomini e Donne in onda solo due volte a settimana? La fake news, ecco come stanno le cose

15/07/2020 di Valentina Gambino

Uomini e Donne

In queste ore il VicoloDelleNews aveva lanciato l’indiscrezione secondo la quale Uomini e Donne sarebbe andato in onda solamente il giovedì e venerdì per dare spazio alla soap opera turca Daydreamer trasmessa il lunedì, martedì e mercoledì. La notizia ha creato il “panico” fino alla smentita di 361Magazine.

Uomini e Donne in onda solo due volte a settimana? La fake news

Niente paura “Uomini e Donne” andrà in onda regolarmente a dispetto dei rumors delle ultime ore. Erroneamente era stato letto male il palinsesto ufficiale presentato da Publitalia e molti avevano interpretato la messa in onda dello show in alternanza con l’acclamata fiction turca (con protagonista Can Yaman) “Daydreamer – Le Ali di un sogno”.

Anche il giornalista Francesco Canino, su Twitter, ha confermato Uomini e Donne in onda per tutta la settimana:

Qualche furbastro, per aumentare visualizzazioni e click, leggendo la griglia dei #PalinsestiMediaset s’è inventato che @uominiedonne andrà in onda solo metà settimana. Non è così. Uomini e Donne andrà dal lunedì al venerdì. #Daydreamer termina per sempre con 51 episodi.

Secondo le ultime anticipazioni de FQMagazine, la formula del dating show cambierà:

Quasi vent’anni dopo si cambia perché la nuova edizione in arrivo a metà settembre su Canale 5, dal lunedì al venerdì alle 14.45, si presenterà al pubblico con una grande novità.

IlFattoQuotidiano.it può anticipare che non ci sarà più una distinzione tra il trono over, in onda in genere dal lunedì al mercoledì, e quello classico, su Canale 5 il giovedì e il venerdì. I due spazi saranno uniti, non si vedranno più in studio fisicamente i troni.

State tranquilli, il programma di Queen Mary tornerà regolarmente in onda.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI