Stefano Bettarini (ancora) contro il GF Vip: “Sono già in causa, non verrò più chiamato nei programmi”

30/12/2020 di Emanuela Longo

GF Vip, Stefano Bettarini sbotta dopo la bestemmia

Stefano Bettarini continua nel suo attacco diretto al Grande Fratello Vip, dopo la sua partecipazione lampo interrotta dalla squalifica per bestemmia. Una uscita di scena amara e che l’ex calciatore fa ancora molta fatica ad accettare e in seguito alla quale non ha più potuto mettere piede nello studio del reality né in altri studi Mediaset (come più volte ribadito dallo stesso).

Stefano Bettarini tuona contro il GF Vip

Dopo l’ultima puntata di lunedì del GF Vip, Stefano Bettarini ha voluto nuovamente sottolineare attraverso le sue Instagram Stories la sconfitta sul piano degli ascolti del reality condotto da Alfonso Signorini e battuto dal film La Bella e la Bestia su Rai1.

A distanza di diversi giorni dal suo ultimo post Instagram, poi, ha voluto pubblicare un video con il punto di vista di Pupo sulla mancata squalifica di Samantha De Grenet:

Già da qualche giorno si disquisiva su ciò che fosse o non fosse “politicamente corretto”. Ci voleva forse Pupo (??) a ribadire cose tanto palesi quanto veritiere? Cito:

“Per alcune squalifiche…su alcune cose dette, NON sono d’accordo” e ancora “ASSOLUTAMENTE !!! Come io…SOLO CHE NON LO SA NESSUNO QUESTO… “

Bene, passare dove l’acqua è più bassa, non fa vincere agli occhi delle persone intelligenti!!

Il Popolo resta e resterà “Sovrano“.

E poi, da che mondo e mondo… l’acqua cheta, rovina i ponti.

Tra i commenti non tutti hanno apprezzato la scelta della produzione del GF Vip di non prendere alcun provvedimento contro Samantha e a loro Stefano Bettarini ha replicato, come riportato da IsaeChia.it:

Io sono già in causa, come vedete non sono stato e non verrò più chiamato nei programmi. Le verità sono scomode se escono quando ci sono giochi di potere.

Screen da Instagram, fonte IsaeChia.it

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI