Pierluigi Diaco contro Alberto Matano: “Volano stracci con urla e paroloni”, c’entra Lorella Cuccarini?

01/07/2020 di Emanuela Longo

Alberto Matano e Pierluigi Diaco

Tra Pierluigi Diaco e Alberto Matano, nelle ultime ore sarebbero volati stracci fuori dalla sede Rai. Lo riporta sul suo sito WolfBreak News il fotoreporter Alan Fiordelmondo, condividendo una notizia che descriverebbe l’attuale stato d’animo tra i due conduttori Rai. Ma cosa sarebbe accaduto realmente e quale sarebbe il motivo del contendere?

Pierluigi Diaco e Alberto Matano: scontro per Lorella Cuccarini?

A quanto pare al centro della lite tra Pierluigi Diaco, conduttore di Io e Te e Alberto Matano, l’ex mezzobusto del Tg1 e che secondo le prime indiscrezioni si avvia a condurre in solitaria la prossima edizione de La Vita e Diretta, ci sarebbe una collega, Lorella Cuccarini.

In merito scrive Fiordelmondo:

Fuori dalla sede Rai sembrerebbe sia successo il finimondo con urla e paroloni tra Pier Luigi Diaco e Alberto Matano, con il primo che accusava il secondo di aver contribuito a far fuori Lorella Cuccarini dalla “Vita in diretta”.

Secondo il fotoreporter, si sarebbe trattato di una “scena imbarazzante” anche per gli alti dirigenti Rai che avrebbero assistito all’episodio.

Pare che Matano non ha risposto agli insulti per evitare di alimentare la polemica.

Di recente, Pierluigi Diaco aveva rivolto un messaggio alla collega ed amica Lorella Cuccarini con un post pubblicato su Twitter:

Domani la mia amica Lorella Cuccarini conclude la sua eccezionale esperienza alla guida de La vita in diretta. Si è contraddistinta per competenza e senso del dovere. È una professionista che lavora con passione e correttezza. Le auguro che la vita professionale continui a darle ciò che merita.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI