Rudy Zerbi: “Vorrei diventare un bravissimo autore per ideare un programma”

11/10/2013 di Valentina Gambino

Rudy Zerbi è il giudice con il “No” più veloce della storia dei talent. Questo lo sappiamo bene, ma conosciamo anche la sua ironia nonostante non le mandi mai a dire, a nessuno. Vocal coach di Amici e giudice di Italia’s Got Talent insieme a Maria De Filippi e Gerry Scotti, oltre a divertirsi ogni sabato sera, regala davvero dei commenti al vetriolo e, quando qualcosa non è di suo gradimento non ci pensa due volte ad esprimere il suo pensiero, definendosi antipatico e cattivo (il tutto contornato da un sorriso, tra la pagine di Sorrisi e Canzoni TV).

“Cerco di spiegare le ragioni dei miei “No”. Non è cinismo, è onestà!” racconta Zerbi, poi prosegue: “Metto da parte il sentimento per serietà nei confronti dei concorrenti. Trovare un talento vero non è facile”. Durante il corso dell’intervista però, si delineano aspetti di Zerbi del tutto inediti (o quasi): “Come padre sono attento e rompiscatole” afferma quando gli viene chiesto se in privato le cose cambiano: “Tengo molto all’educazione dei miei figli e alla loro formazione scolastica, ma mi ritengo un padre affettuoso e sensibile”.

Stesso discorso vale per gli amici di sempre e la compagna Maria: “Sono tenero e molto emotivo” racconta, per poi aggiungere: “Non mi dà fastidio mostrare il mio lato sentimentale, le mie emozioni. Sono un uomo felice e innamorato e lo dimostro”. Per quanto riguarda la “famosa” lista dei desideri, Rudy afferma di aver voglia di passare del tempo con i figli e, televisivamente parlando confessa: “Vorrei diventare un bravissimo autore per ideare un programma e farlo realizzare da un altro conduttore”.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI