Miriana Trevisan al GF Vip per Pago: “una voragine di sofferenza nei suoi silenzi”

17/01/2020 di Emanuela Longo

Miriana Trevisan e Pago al GF Vip

Dopo Serena Enardu, è toccato a Miriana Trevisan, ex moglie di Pago, fare il suo ingresso nella Casa del GF Vip per una bellissima e toccante sorpresa al cantante. Poco prima del suo ingresso, Pago ha definito la sua ex e madre di suoi figlio “indispensabile, presente e forte”, ovvero, come spiegato anche da Alfonso Signorini, proprio la descrizione della donna.

Miriana Trevisan al GF Vip per Pago: emozionante sorpresa

In seguito ad un “Freeze”, Miriana Trevisan, è entrata nella affollata Casa del Grande Fratello Vip ed ha raggiunto subito il cantante Pago:

Devo ringraziare il Grande Fratello e Alfonso perché mi ha fatto venire qua. Devo dirti delle cose che non ti ho mai detto. La prima è che voi, in realtà, non conoscete Pacifico fino in fondo.

Così Miriana ha esordito, emozionatissima e molto tesa, prima di iniziare un racconto molto toccante legato al loro passato e soprattutto ad un evento doloroso della vita del cantante:

Ha una voragine di sofferenza dentro che si porta nei suoi silenzi. So perché c’ero in quel momento. C’eravamo appena conosciuti, eravamo fidanzati novelli e aveva questa oscurità… Aveva il papà in ospedale, arriviamo in questo ospedale e in fondo a questa corsia arrivano due donne, mi abbracciano, mi accolgono: la mamma e la sorella. Non sapevo che erano gli ultimi giorni. La prima cosa che lui mi disse era che dovevo portare sua sorella a riposare. Era il suo unico pensiero. Hai cercato di proteggere sempre tutti.

Quindi la Trevisan ha proseguito dando un consiglio a Pago, l’unico ad essersi liberato dal Freeze:

Devi tirare fuori il tuo dolore. E’ una cosa bellissima, un’esperienza che puoi donare. Le puoi raccontare qui. E’ il momento di portarle alla luce.

Tra i due, prima di salutarsi, un abbraccio carico di affetto sincero.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI