Fabrizio Frizzi, news: il messaggio di Carlo Conti a L’Eredità, “Torna presto”

31/10/2017 di Emanuela Longo

Carlo Conti continuerà a sostituire l’amico e collega Fabrizio Frizzi a L’Eredità almeno fino a quando non starà meglio. Il noto conduttore, infatti, era stato colto la scorsa settimana da una lieve ischemia che lo ha portato al ricovero all’Umberto I di Roma. Le sue condizioni sarebbero in progressivo miglioramento, come aveva confermato in diretta tv lo stesso Conti lo scorso venerdì durante la sua trasmissione Tale e Quale Show. Ecco le parole del toscano in apertura del quiz show di RaiUno, nel preserale di ieri, tornato in onda dopo una settimana esatta.

Fabrizio Frizzi: messaggio di Carlo Conti al conduttore

Carlo Conti non poteva non iniziare la sua supplenza a L’Eredità senza ricordare l’amico e collega Fabrizio Frizzi, ancora ricoverato dopo la brutta ischemia che ha preoccupato i suoi fan e non solo. “Torno all’Eredità perché il professore di ruolo ci ha fatto uno scherzetto”, ha esordito il conduttore toscano rivolgendosi al pubblico della prima rete Rai.

Poi ha mostrato in camera delle chiavi ed ha detto: “Caro Fabrizio, vedi queste chiavi? Qualche anno fa io te le ho consegnate dicendo che sarebbe stata la nostra casa, che avremmo guidato insieme, uo come pilota, l’altro come co-pilota. Però tu sei il pilota, quindi io sono supplente per un po’ di tempo. Torna presto, ti rivogliamo. Il primo grande applauso è per te”.

In queste ultime ore a parlare di Fabrizio Frizzi è stata anche Anna Falchi. Lo ha fatto durante la sua ospitata a La vita in diretta, durante la quale l’attrice ha detto: “Gli mando un bacione, ciao Fabrizio”. Dopo i saluti ha aggiunto: “Fabrizio è stata la prima persona a volermi nel mondo dello spettacolo quando avevo 18 anni”, riferendosi al 1989 quando Frizzi era conduttore di Miss Italia nell’edizione che vedeva tra le concorrenti proprio la giovanissima Anna.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI