Gianmarco Mazzi: “Dalla Rai mi sarei aspettato più entusiasmo”

01/03/2011 di Simone Morano

Gianmarco Mazzi

Il Festival di Sanremo ha rappresentato un notevole successo dal punto di vista degli ascolti, eppure le polemiche non sono mancate. Il direttore artistico della kermesse canora Gianmarco Mazzi mette i puntini sulle i riguardo alcune questioni.

Davanti a un Sanremo che ha ottenuto risultati sbalorditivi dal punto di vista artistico e degli ascolti, da parte di tutta la Rai mi sarei aspettato più entusiasmo e calore. In ogni caso va bene così. Mauro Mazza, direttore di Raiuno, ha parlato del futuro, ed ha avuto parole di stime. Anche il direttore generale Masi mi ha chiamato per farmi i complimenti. D’altra parte anche la Sipra, la concessionaria di pubblicità, ha spedito una nota in cui esprimeva notevole soddisfazione anche da parte degli inserzionisti.

Il consigliere Verro si è chiesto se il Festival rappresenti una produzione Rai o un programma che viene dato in appalto in maniera surrettizia. Mazzi replica:

Il festival di Sanremo costituisce una produzione Rai che conta su professionisti e artisti che per mesi si concentrano e danno il massimo al fine di ottenere un risultato di successo. Così come il software ha bisogno dell’hardware, anche l’hardware ha bisogno del software.

Infine, due parole su Lucio Presta.

A lui mi lega un rapporto umano profondo, oltre che un feeling professionale forte. Per anni abbiamo lavorato insieme allo scopo di ridare centralità e attualità al Festival di Sanremo. Lui è un uomo di cuore e sensibile. Capisco l’amarezza nel non vedere riconosciuti i propri meriti, ma io li conosco.

COMMENTI