Rocco Siffredi risponde a Sofia Viscardi e l’accusa di cercare visibilità (VIDEO)

01/05/2020 di Valentina Gambino

Rocco Siffredi, informato della presa di posizione della YouTuber Sofia Viscardi che ci era rimasta molto male per essere stata presa di mira dall’attore a luci rosse, ha voluto replicare per “sgonfiare” la polemica nata per via della challenge “La bombi o la passi”.

Rocco Siffredi risponde a Sofia Viscardi
Rocco Siffredi risponde a Sofia Viscardi

Rocco Siffredi risponde a Sofia Viscardi: “Tutto fa brodo”

Rocco Siffredi, alla vista di una fotografia di Sofia Viscardi durante una live con Luis Sal e Homyatol, ha immediatamente affermato “la bombo”, non tirandosi indietro e scatenando l’ira della giovane, sentendosi presa di mira come mero oggetto sessuale. Proprio per questo motivo, la creatrice di “Venti”, si era lasciata andare ad un lungo sfogo su Instagram (cliccare per credere).

A distanza di alcuni giorni, Rocco ha deciso di risponderle ribandendo l’ilarità della cosa:

Una che scrive ‘Mi sento offesa’ senza neanche mettere il mio nome perché voleva far finta di essere posizionata più in alto… La mia domanda è: se al posto di Siffredi ci fosse stato Totti o Borghi a fare ‘sto gioco, sono curioso di sapere se si sarebbe sentita offesa…

Siffredi evidenzia che su tredici ragazze della challenge, solamente una si è sentita offesa:

Mi sembra un po’ strano, dai. O le altre sono così facili oppure mi viene da pensare che tutto fa brodo nel mondo della visibilità. Ti giuro ho pensato ‘Questo è il classico gioco divertente che si inventano gli YouTuber’, non stavo neanche pensare al sesso. Secondo me ogni tanto è più fuori luogo parlare che non parlare.

Arriverà la controreplica di Sofia Viscardi? Vi terremo aggiornati. Nel frattempo, il VIDEO con la risposta di Rocco Siffredi ti aspetta ad inizio articolo.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI