Report, anticipazioni: il mondo di internet; le bioenergie e le realtà de Il Fatto Quotidiano e di Lettera 43

10/04/2011 di Emanuela Longo

Milena Gabanelli

Nella domenica di RaiTre, si rinnova l’appuntamento nella prima serata all’insegna della trasmissione di inchieste condotta da Milena Gabanelli, Report.

Tanti i servizi e gli argomenti affrontati anche nella puntata odierna, a partire da un’interessante inchiesta incentrata sul mondo della rete dal titolo “Il prodotto sei tu”. Tra le principali piattaforme utilizzate da milioni di utenti in tutto il mondo, sono indubbiamente rappresentate da Facebook in primis, ma anche Youtube, Twitter, Foursquare, LinkedIn. Le parole d’ordine, in questi casi, diventano “condividi” e “connettiti”, e nessuno è ormai in grado di sfuggire alle nuove dinamiche messe in atto dal mondo di internet, basti pensare che, solo nel nostro Paese, un italiano su due usa Facebook, il social network celebre nel mondo che ha permesso al suo giovane creatore, Mark Zuckerberg di arricchirsi nel vero senso del termine con un guadagno di oltre 7 miliardi di dollari all’età di soli 26 anni.

Si indagherà, dunque, sulle rivoluzioni della rete, da Google a Youtube; sui loro fondatori e sulle nuove tendenze intraprese anche dai milioni di utenti giornalieri, per cercare di comprendere anche quali sono i limiti della libertà d’espressione online.

Tra gli altri servizi proposti nella puntata di questa sera, ce ne sarà anche uno che indagherà sul mondo delle bioenergie e sui soldi pubblici che ruotano attorno a tale tendenza. Si parlerà infine anche di editoria e dell’attuale crisi che tale settore sta attraversando. I rischi che incontra chi decide di aprire un giornale, sono elevatissimi; tuttavia, le telecamere di Report sono entrati nelle redazioni del Il Fatto Quotidiano e di Lettera 43 per comprendere come queste due realtà sono riuscite a superare i grossi rischi iniziali.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI