Annozero apre con Emma Marrone e la rabbia dei giovani italiani

04/03/2011 di Emanuela Longo

Ad aprire ieri la nuova puntata del talk show di Michele Santoro, in onda come ogni giovedì sulla seconda rete Rai, Annozero, è stata un’inedita Emma Marrone, trionfatrice della passata edizione del talent Amici e seconda classificata, insieme ai Modà, nell’ultima edizione del Festival di Sanremo con la canzone “Arriverà”.

Emma, però, questa volta non è affatto nelle vesti di testimonial dei suoi successi, ma semmai va ad indossare i panni di milioni di giovani incazzati dall’attuale situazione nel nostro Paese.

A lasciare spazio alla talentuosa cantante, è lo stesso Michele Santoro che, nel corso della sua anteprima ha chiesto: “Secondo voi da 1 a 10 quando sono arrabbiati i giovani italiani?”. A cercare di rispondere al quesito non solo del giornalista e conduttore, ma dell’intera Italia, la parola è stata data proprio ad Emma che, ricordiamolo, qualche settimana fa ha preso attivamente parte alla grande manifestazione organizzata dalle donne.

“Sono arrabbiati un po’ tutti secondo me, i giovani”, risponde, per poi aggiungere con estrema sincerità: “Io sono una persona sinceramente molto fortunata, però ho un sacco di amici giù al Sud che per esempio vivono la problematica del lavoro e sono molto incazzati. Io non voglio fare la parte di quella incazzata perché fortunatamente sto lavorando tanto e riesco a fare una vita dignitosa però sicuramente difendo tutti quei miei amici con i quali non ho interrotto i rapporti, gente normale, del Sud e che ogni giorno lottano per mantenere un posto non fisso… almeno un posto”.

A seguire, Emma si è esibita con una canzone, non la stessa che ha presentato a Sanremo insieme ai Modà, bensì “La ballata di Sacco e Vanzetti”, non prima di aver risposto alla domanda di Giulia Innocenzi: “Tu sei anarchica?”. “Da un po’ di anni, l’unica cosa certa per me è Dio”.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI