Giovanni Scialpi ha rischiato di morire e il marito Roberto Blasi non ha potuto essere al suo fianco, ecco perché

21/10/2015 di Valentina Gambino

Di recente, dopo aver partecipato a Pechino Express 2015, il cantante Giovanni Scialpi (conosciuto ai più solo come Scialpi) è tornato nuovamente in pista. Gareggiando con il manager e compagno di vita Roberto Blasi (i due da poco si sono sposati), ha lottato e continua a lottare per il riconoscimento totale delle unioni civili con tutti i sacrosanti diritti che ogni tipo di coppia dovrebbe avere. Ed invece, una brutta vicenda accaduta di recente (fortunatamente finita bene) ha evidenziato ancora una volta le mancanze del nostro Paese.

Scialpi è stato recentemente operato al cuore con l’inserimento di un pacemaker. Il cantante aveva postato una fotografia su Instagram con scritto: “Un Cuore capace di amare! Ma non tanto di battere!! È qui mi vivo l’importanza delle #unionicivili #matrimonio #scialpi #blasi #monicacirinna #ivanscalfarotto”, (riferendosi al ddl Cirinnà). Successivamente l’intervento si è concluso nel migliore dei modi e tutti, per primo il marito Roberto hanno tirato un sospiro di sollievo anche se, qualche sassolino nella scarpa è comunque rimasto.

Giovanni Scialpi all’inizio di questa brutta storia, ricoverato in ospedale con codice rosso non ha potuto avere accanto a sé il marito Roberto Blasi in quanto non considerato un parente stretto. In Italia infatti, il matrimonio celebrato a New York dalla coppia non ha (purtroppo) alcuna validità. Dopo l’operazione Scialpi ha nuovamente ribadito la sua indignazione: “E’ inaccettabile che ci siano cittadini di serie A e di serie B. Ho rischiano di morire e mio marito è stato tenuto fuori”.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI